I social network incoronano i musei italiani più amati I social network incoronano i musei italiani più amati

I social network incoronano i musei italiani più amati

- + Text size
Stampa

I risultati raccolti dall'innovativa ricerca "Museo Index: cultura e Big Data" hanno permesso di stilare una classifica di gradimento con i giudizi dei turisti in visita ai magnifici luoghi della cultura del nostro Paese.

La Reggia di Venaria Reale a Torino, il Museo Egizio, sempre nel capoluogo piemontese, e il Museo Guggenheim di Venezia: questo è il podio stilato dai commenti dei visitatori sui social media.

La prima ricerca italiana incentrata sull’utilizzo dei Big Data in ambito culturale, Musei Index: cultura e Big Data, sviluppata da Sociometrica, ha permesso di analizzare semanticamente quasi 90 mila valutazioni e commenti pubblicati dai visitatori sui social network dopo la visita ad un museo del nostro Paese. Un campione altamente significativo che ha permesso di stilare una classifica di preferenze.

I risultati

Grazie all’utilizzo della tecnologia Cogito di Expert System, è stato possibile trasformare i Big Data raccolti in un punteggio valutativo, all’interno di una scala di valori da 0 a 100, espressione delle emozioni e della soddisfazione di ogni visitatore presso il museo. La sufficienza, posta dai 50 punti in su, diventa gradimento pieno nella fascia dai 75 punti sino al massimo. I turisti, con i loro commenti, hanno posizionato al primo posto assoluto la Reggia di Venaria Reale di Torino, con un punteggio totale di 90 punti. Torino si conferma città culturale facendo sua anche la seconda posizione di questa speciale classifica di apprezzamento, con il Museo Egizio, che ha raccolto 84 punti. Il terzo posto è di Venezia, con gli 81 punti assegnati al Museo Guggenheim. Seguono a corta distanza le Gallerie dell’Accademia di Venezia, gli Uffizi a Firenze, la Pinacoteca di Brera di Milano e il Colosseo romano, primo luogo culturale per numero di citazioni sui social media, oltre 29 mila, sfiorando il 30% dell’intero campione raccolto.

Punti di forza e criticità

Gli elementi che hanno caratterizzato maggiormente l’esperienza dei visitatori nei musei sono stati molteplici: dalla qualità di mantenimento delle opere ai monitor interattivi in cui raccogliere maggiori informazioni, passando per la cortesia del personale fino all’ambiente complessivo del sito culturale. Riscontri positivi sono stati raccolti riguardo alla godibilità delle opere esposte e alla maestosità dei luoghi visitati. Note negative, invece, per l’affollamento dei musei e per i tempi di attesa dovuti, secondo i post, ad una scarsa organizzazione da parte dei gestori. Anche i prezzi, ritenuti spesso eccessivi, come nei casi di Pompei e della Reggia di Caserta, hanno influito sul giudizio complessivo della visita. Tanti spunti di valutazione emersi da una ricerca volta a stimolare il necessario cambiamento e miglioramento di tutte le strutture interessate, per rendere più accoglienti i luoghi simbolo di un’Italia che avanza ma che resta legata alle proprie radici storiche.