Scuola digitale e didattica innovativa: a Roma va in scena il futuro Scuola digitale e didattica innovativa: a Roma va in scena il futuro

Scuola digitale e didattica innovativa: a Roma va in scena il futuro

Il Centro Studi Impara Digitale ha promosso il sesto appuntamento con la fortunata iniziativa Tablet School, che mira a portare nelle classi italiane il futuro della tecnologia

- + Text size
Stampa

Flipped classroom, coding, stampanti 3D: sono solo alcuni dei termini al centro della giornata di sabato 9 maggio andata in scena all’Istituto Salesiano Pio XI della Capitale

Se il progetto governativo La Buona Scuola sta facendo importanti passi in avanti sotto il profilo dell’attuazione, il merito è da condividere con tutti gli istituti e gli operatori locali che si stanno impegnando ad attuare tutte le best practice che, nel giro di poco tempo, permetteranno di ridare lustro e vigore ad uno dei segmenti fondamentali su cui è basata la nostra società. Tra le iniziative più virtuose che vanno in questa direzione vi è, senza dubbio, la 6^ giornata di Tablet School, l’assemblea di studenti e docenti che ha il desiderio di mettere al centro dell’attenzione la condivisione di esperienze fondate sull’idea di scuola digitale, sperimentandone attivamente le peculiarità attraverso lezioni di base dei diversi modelli di introduzione delle tecnologie nell’ambito scolastico. I ragazzi ed i professori dell’Istituto Salesiano Pio XI hanno avuto l’opportunità, sabato scorso, di toccare con mano una lezione di scuola digitale del futuro.

Modelli territoriali e suddivisione delle responsabilità: la scuola cresce così

La sesta edizione di Tablet School ha preso il via sulla base dei modelli che, durante queste giornate formative, sono emersi nel tempo. La carenza di risorse e strutture che, ad oggi, la scuola italiana è costretta a subire, rappresenta un freno alla digitalizzazione, ma solo in parte: il processo attivato già da qualche tempo, infatti, è in forte crescita grazie all’aiuto di esperienza e di conoscenza che arriva direttamente dagli insegnanti. Le innovazioni, plasmate con sapienza, stanno raggiungendo una qualità ed un rigore metodologico di alto livello.

Tablet School, una nuova era

Mettere a confronto le diverse esperienze che si stanno attuando e creare un modello condiviso per la didattica 2.0: sono queste le ragioni che guidano l’attività di Tablet School. Nell’ultimo appuntamento romano, organizzato come di consueto dal Centro Studi Impara Digitale, si è registrato un successo assoluto. I principali temi trattati hanno riguardato la Classe scomposta di Dianora Bardi, un’aula senza banchi per favorire la personalizzazione dell’apprendimento, il coding, le stampanti 3D e la flipped classroom, la classe capovolta in cui si studia prima a casa che a scuola.