Roma capitale dell’arte digitale grazie al Festival Ro_Map Roma capitale dell’arte digitale grazie al Festival Ro_Map

Roma capitale dell’arte digitale grazie al Festival Ro_Map

9-12 settembre: due performance altamente suggestive

- + Text size
Stampa

La superficie dell’arena romana accoglierà 256 sfere luminose controllate attraverso un sistema wireless. La Chiesa di Nostra Signora del Sacro Cuore diventerà uno schermo per proiezioni tridimensionali, da osservare grazie a speciali occhiali 3D. Antico e moderno si fondono in una quattro giorni dedicata all’esplorazione artistica caratterizzata da un largo utilizzo di tecnologie digitali.

Antico e moderno si fondono a Roma in occasione del Festival Ro_Map, manifestazione dedicata all’arte digitale che prende il via oggi e terminerà sabato prossimo. Questa iniziativa artistica, inserita nel ricco programma di Roma Estate 2015, è stata ideata da Michele Cinque e realizzata da Lazy Film con la collaborazione di numerosi partner, tra i quali l’Ambasciata del Brasile a Roma, Paula Design, Banca Popolare Etica e Roma Capitale.

Il Circo Massimo e le sfere luminose

Il programma del Festival Ro_Map inizia stasera nella splendida cornice del Circo Massimo dove 256 sfere luminose, disposte su un’area di oltre 3000 metri quadrati, controllate attraverso un sistema wireless, trasformeranno l’arena in un paesaggio di suoni e luci. Questa performance d’arte digitale, che ha già ottenuto grande successo in Francia, porta la firma di Maxime Houot, uno dei massimi esponenti del collettivo Coin. Lo spettacolo potrà essere goduto dalle 20.30 alle 24.00 di domani e sarà bissato dopodomani.

Video tridimensionali in Piazza Navona

Venerdì 11 e sabato 12 il Festival Ro_Map si sposterà a Piazza Navona. Qui la Chiesa di Nostra Signora del Sacro Cuore (conosciuta anche come Chiesa di San Giacomo degli Spagnoli) diventerà una specie di schermo sul quale saranno proiettate le creazioni tridimensionali realizzate dai bolognesi Apparati Effimeri. Per godere appieno di questa performance, gli organizzatori della kermesse distribuiranno ai presenti speciali occhiali 3D.

L’antichità si fonde con le nuove frontiere dell’arte digitale

L’obiettivo del Festival Ro_Map è dimostrare la possibile coesistenza tra l’arte antica e quella moderna, evidenziando come mapping, proiezioni tridimensionali, percorsi sensoriali e, più in generale, qualsiasi forma di arte digitale “open air” possa fornire ulteriore vitalità a luoghi già ricchi di storia. Grazie a due eventi visivamente “potenti”, Roma sarà ancora più “magica” nei prossimi giorni.