Caro-libri addio! La competizione tra carta ed e-book abbassa i prezzi Caro-libri addio! La competizione tra carta ed e-book abbassa i prezzi

Caro-libri addio! La competizione tra carta ed e-book abbassa i prezzi

Lo rivela un’indagine svolta dalla piattaforma Skuola.net

- + Text size
Stampa

I convenienti prezzi dei libri di testo digitali hanno spinto librerie e grande distribuzione ad abbassare quelli dei volumi stampati su carta. Una concorrenza virtuosa che permetterà alle famiglie di risparmiare non poco sui libri scolastici per i propri figli. L’usato, ormai, è scelto da un solo studente su dieci.

Un nuovo anno scolastico è appena iniziato, ma a differenza di quanto avvenuto in passato le polemiche sul caro-libri sono meno veementi. Il perché è da ricercarsi nel prezzo degli e-book, inferiore dal 20 al 40% rispetto ai libri scolastici cartacei. E la competizione con i testi elettronici sta spingendo in basso anche il costo di quelli “tradizionali”.

Con il digitale si risparmia

L’evidenza empirica di quest’inversione di tendenza è dimostrata da una ricerca condotta dal portale Skuola.net che ha comparato i prezzi di un paniere di libri scolastici per le scuole superiori editi sia in formato digitale, sia su carta. Cinque le “materie” prese in esame: Grammatica Italiana, Antologia Italiana, Matematica, Storia e Inglese. Analizzando i dati forniti dal sito Scuolabook, usato dalla maggior parte degli editori per vendere i propri e-book didattici, lo studio di Skuola.net comprova che acquistare libri scolastici in formato elettronico è più conveniente. La versione digitale del libro di Matematica costa, in media, il 27% in meno rispetto a quello stampato su carta. Con gli e-book di Grammatica il risparmio medio si attesta intorno al 25% (in un caso lo scostamento tra i prezzi è stato pari al 44%). Gli e-book di Antologia, Inglese e Storia, invece, permettono di spendere “solo” il 20% in meno.

La nascita di una competizione virtuosa tra e-book e carta

La grande distribuzione e le librerie, constato il minor costo dei libri digitali, sono subito corse ai ripari, applicando sconti molto più alti rispetto al passato sui testi scolastici stampati su carta. Riduzioni che vanno dal 15 al 20%, pareggiando in molti casi il costo degli e-book. Una competizione, quella tra libri di testo elettronici e cartacei, che sta avendo due effetti, come rivela la ricerca di Skuola.net: da una parte l’attenuarsi del fenomeno noto come caro-libri, dall’altra il minor interesse nei confronti dell’usato. L’indagine dimostra che solo il 9% degli intervistati ha acquistato, o comprerà, libri di seconda mano per il nuovo anno scolastico. Lo scorso anno questa percentuale era pari al 20%.