Light is Back: l’arte milanese torna a risplendere Light is Back: l’arte milanese torna a risplendere

Light is Back: l’arte milanese torna a risplendere

iGuzzini e Adacto hanno dato vita ad un’applicazione in grado di sfruttare la tecnologia Beacon per informare i turisti sui grandi capolavori d’arte di Milano.

- + Text size
Stampa

Le opere più belle del capoluogo lombardo come il Cenacolo Vinciano, il Chiostro del Conservatorio e l’Orto Botanico rivivono con una nuova luce grazie all’adozione di iGuzzini e Adacto.

Da oggi Milano e le sue opere d’arte potranno godere di nuova luce grazie all’innovazione e all’impegno di iGuzzini e Adacto per riqualificare le tecniche di illuminazione installate nei luoghi di maggior interesse. Non solo: con l’applicazione Light is Back tutti i visitatori dei siti storici del capoluogo lombardo avranno l’opportunità di poter fruire di ricche informazioni digitali, capaci di completare l’esperienza artistica a 360° attraverso la tecnologia Beacon. I turisti, infatti, avvicinandosi ai cosiddetti Point of Interest, potranno accedere a contenuti multimediali speciali per meglio comprendere non solo quanto stanno osservando, ma anche ciò che è presente nell’ambiente circostante.

Responsabilità sociale, tecnologia e arte: le caratteristiche di Light is Back

Light is Back è in grado di convogliare all’interno di un’applicazione per smartphone e tablet elementi di natura diversa finalizzati al miglioramento dell’apprezzamento artistico. La responsabilità sociale che guida l’attività di iGuzzini ed Adapto, ha già permesso di ammirare alcune delle più belle opere milanesi “sotto una luce diversa”. Inoltre, in occasione dell’Expo che dal 1° maggio terrà banco a Milano per i successivi 6 mesi, è stato studiato un percorso ad hoc attraverso tutte le zone in cui la luce e l’illuminazione sono tornate ad essere tra gli elementi protagonisti dell’arte meneghina.

Beacon, da marketing di prossimità a guida artistica

In principio l’innovativo sistema di invio degli impulsi a corto raggio è stato utilizzato in larga parte dagli esercizi commerciali e dei negozi con l’obiettivo di attirare i passanti o proporre, ai clienti all’interno del punto vendita, promozioni e offerte speciali. L’evoluzione dell’iBeacon e il suo ampio campo di applicabilità ha permesso ad Adacto, gli sviluppatori di Light is Back, di fornire a tutti gli amanti dell’arte una visione completa e digitalizzata dei luoghi di maggiore interesse della città, e al tempo stesso di innovare le modalità di diffusione artistica anche su larga scala. L’impegno di Adacto, nella realizzazione del progetto, è stato totale, prendendosi cura di tutte le fasi, dallo studio infrastrutturale allo sviluppo dell’app integrata con il sistema di micro geolocalizzazione, fino alla gestione dei contenuti, sempre aggiornata.