Una guida digitale per visitare le Marche…a piedi Una guida digitale per visitare le Marche…a piedi

Una guida digitale per visitare le Marche…a piedi

App che illustra il territorio marchigiano, da visitare rigorosamente camminando

- + Text size
Stampa

Si chiama Bioculture ed è stata pensata per i turisti anglosassoni. Illustra anche le bellezze artistiche e paesaggistiche di questa regione attraverso le opere digitali di alcuni giovani artisti di fama internazionale. L’applicazione, promossa dal consorzio di vitivinicoltori biologici Terroir Marche, è anche un modo per promuovere i vini biologici marchigiani oltremanica.

Le Marche? Meglio visitarle a piedi, ma con in mano una guida digitale: l’app Bioculture. È stata pensata soprattutto per i turisti anglosassoni, è in inglese, ed è già disponibile gratuitamente negli store per i sistemi operativi iOS e Android.

Unisce slow travel, arte digitale ed enogastronomia

Bioculture è più di una semplice app che descrive i tesori artistici, paesaggistici, storici ed enogastronomici dell’unica “regione plurale” d’Italia. È un esperimento che desidera unire arte contemporanea, slow travel (turismo lento) ed enogastronomia. Il progetto, sviluppato dall’associazione artistica Artwalks (with), nata dalla collaborazione tra Sineglossa Creative Ground e Pepe Lab, è stato pensato soprattutto per promuovere nel Regno Unito un consorzio di vitivinicoltori biologici, Terroir Marche, oltre all’intero territorio marchigiano, grazie al supporto dell’amministratore regionale.

Redattori artistici che hanno camminato per 12 mesi

I “redattori” di quest’innovativa app sono alcuni giovani artisti, già di fama internazionale, che per un anno intero hanno percorso tutto il territorio regionale a piedi. Un viaggio lungo, raccontato attraverso loro personali interpretazioni artistiche, annotando sulla mappa digitale anche locande, borghi poco noti, scorci paesaggistici e tutto ciò che ha solleticato il loro gusto. Un modo nuovo per raccontare un territorio. Non ci sono altri esperimenti simili al mondo.

Tre sezioni: Walks, Art e Wine

Sotto un profilo puramente tecnico, occorre aggiungere che l’app, presto disponibile anche in Italiano, è suddivisa in tre sezioni: Art, Walks e Wine. La prima contiene immagini, musiche, filmati e racconti degli artisti che per un anno hanno “camminato” con Bioculture. Walks contiene 19 specifici itinerari per visitare a piedi il territorio marchigiano. Oltre alle informazioni logistiche, come il kilometraggio del percorso suggerito e altri dettagli sull’area geografica visitata, quest’area dell’applicazione propone pure strutture ricettive, ristoranti e cantine. Segnalazioni utilissime per riposarsi dopo una lunga camminata. Wine, infine, è la sezione dedicata alle cantine biologiche marchigiane. Lo stesso consorzio Terroir Marche spiega le modalità di lavorazione dei propri prodotti, ricordando la lunga opera di salvaguardia della viticoltura biodinamica e organica tipica del territorio marchigiano, volta anche a promuovere un modello di economia sostenibile.