Anche nelle scuole arrivano i pagamenti elettronici Anche nelle scuole arrivano i pagamenti elettronici

Anche nelle scuole arrivano i pagamenti elettronici

L’Agenzia per l’Italia Digitale ha presentato le novità che interesseranno il comparto scolastico in tema di smart payment

- + Text size
Stampa

Velocità nelle transazioni e massima accessibilità per le famiglie: così il sistema scolastico nazionale sposa l’idea dei pagamenti intelligenti

La scuola diventa sempre più digitale, e lo fa anche su tematiche non prettamente legate all’ambito didattico. A riferirlo è l’AgID, l’Agenzia per l’Italia Digitale che ha ufficialmente comunicato che le scuole presenti sul territorio nazionale hanno aderito al sistema di pagamenti elettronici PagoPA. Una novità molto importante che permetterà alla scuola italiana di velocizzare le operazioni legate alle riscossioni di tasse e tributi legati ai servizi offerti agli studenti, che diventeranno non solo molto più rapide rispetto a quanto sta avvenendo ora, ma anche sempre più sicure, per una Pubblica Amministrazione all’insegna della massima trasparenza.

PagoPA, un boom generalizzato

Durante la presentazione della novità scolastica, l’AgID ha sottolineato l’importanza del sistema dei pagamenti elettronici PagoPA che, ad oggi, in Italia conta all’interno del circuito innovativo oltre 10 mila Pubbliche Amministrazioni che hanno aderito e che, già da tempo, stanno beneficiando dei numerosi vantaggi che la nuova infrastruttura di ultima generazione offre. Un trend in netta crescita, quello dell’adesione alla rete di smart payment, che aumenta il suo bacino di utenze di circa 100 unità al giorno: numeri straordinari che, se mantenuti nel lungo periodo, permetteranno al sistema PagoPA di diventare uno standard transazionale altamente performante. Per questa ragione, il MIUR ha deciso, in collaborazione con l’AgID, di realizzare una speciale piattaforma aperta a tutte le istituzioni scolastiche per facilitare le dinamiche legate ai pagamenti. Questa applicazione, denominata PagoinRete, infatti, sarà in grado di dialogare in real time con PagoPA e consentirà alle oltre 8.500 realtà scolastiche italiane di aderire al sistema dei pagamenti elettronici con un semplice click.

I vantaggi di PagoinRete

L’Agenzia per l’Italia Digitale ha presentato la piattaforma PagoinRete facendo un rapido excursus sulle principali caratteristiche dell’applicativo che dal 2016 faciliterà i sistemi di pagamento del sistema scolastico. Le segreterie didattiche, infatti, avranno massima libertà nel configurare gli avvisi telematici di pagamento relativi ai contributi richiesti per tasse e servizi scolastici. Non solo: tali avvisi saranno a completa disposizione dei genitori e delle famiglie degli studenti che, in maniera altrettanto rapida e veloce, potranno selezionarli e pagarli comodamente online. La piattaforma che, come confermano gli esponenti dell'AgID, è già in fase di sperimentazione presso alcuni istituti, verrà resa disponibile su larga scala durante tutto il prossimo anno solare, con l’obiettivo progressivo di coprire, entro la fine del 2016, tutte le sedi scolastiche nazionali.