I giovani e la musica  I giovani e la musica

I giovani e la musica

Molto sta cambiando in questo rapporto.  

Stampa
- + Text size

Il  2015 è stato un anno da ricordare per il mercato musicale:
  • dopo quasi venti anni di declino torna  a crescere, quello globale del 3.2%
  • il segmento digitale supera quello fisico e diventa la prima fonte di ricavi.
Grazie alla diffusione di smartphone e di servizi premium di qualità sempre migliore, lo streaming diventa il maggior traino per la crescita.
Anche in Italia, l'innovazione e la crescita (+21%) sono state guidate dai servizi streaming in abbonamento.  
L'industria discografica è stata tra le più veloci nell'adattamento e nello sviluppo di servizi digitali. All'inizio del 2016, secondo il sito IFPI www.promusic. org, erano disponibili oltre 400 siti musicali per i consumatori. Questa capacità evolutiva ha determinato un alto livello di penetrazione del settore musicale rispetto ad altri settori del mondo culturale.

La quota del digitale nella musica rispetto ad altri settori 2015 (% -Fonte: PWC-IFPI)

Il passaggio da disco fisico a digitale ci porta immediatamente in rete, dove i giovani consumatori di musica trovano oggi i loro canali e strumenti.
La ricerca "Il consumo di musica" svolta nel 2016 in 13 paesi sugli utenti internet tra i 16 e i 65 anni - ricerca di Ipsos Connect per Ifpi ( International Federation of the Phonographic Industry), l'associazione che rappresenta gli interessi della industria musicale mondiale - ci parla di questa trasformazione. I dati in Italia:    
  • Il 77% degli utenti online accede alla musica legalmente, salgono all'85% fra i 13-15enni,
  • i servizi streaming stanno diventando più popolari (40%) specialmente fra i 13-15enni (52%),
  • il 20% paga attualmente per i servizi di streaming.

Accedono a servizi di musica legali (%)

Audio streaming (%)

Streaming a pagamento (%)

Youtube: il più utilizzato per ascoltare musica, in primis perchè è gratuito (%)

Youtube: più servizio on-demand che fonte di scoperta (%)

TIM-music-1-300x250

Usano lo smartphone il 68% (+3% rispetto  il 2015)

Lo smartphone supera il pc per l'ascolto di musica tra gli user di servizi di audio streaming in  abbonamento.

 

Il nostro accordo con Bang & Olufsen

Il dato e l'mmagine accanto bastano a spiegare una delle nostre recenti  mosse verso  i giovani "addicted" alla musica digitale. Se non tutti, loro certamente sanno chi è B&OPlay: il brand di riferimento mondiale per i prodotti audio portatili per un pubblico urban, giovane e creativo.

Per intenderci ecco alcune frasi del loro Manifesto:

"Non ci limitiamo a costruire delle cuffie, non disegniamo solo speaker, non lavoriamo semplicemente nel campo dell’elettronica. Lavoriamo per farvi venire la pelle d’oca."

Entro il mese di marzo, nei nostri negozi potrete trovare molti dei loro prodotti di ultima generazione.