Company Profile  un termine dalle mille sfumature Company Profile  un termine dalle mille sfumature

Company Profile
un termine dalle mille sfumature

- + Text size
Stampa

Dietro il termine “Company Profile”, un po’ tradizionale ma di immediata comprensione,  si colloca da alcuni anni la realizzazione di progetti di comunicazione integrata on e offline - con siti, videomessaggi, testi scaricabili -, che arricchiscono il racconto di fine anno delle aziende.

La realizzazione  del  company profile è infatti  legata al tema del reporting aziendale e vuole superare i “limiti” comunicazionali di questi documenti. Il Bilancio d’esercizio, come  il Bilancio di Sostenibilità,  seppur anch'essi in fase di evoluzione editoriale,  nascono come documenti di “compliance” legale, che devono essere prodotti per la presentazione formale in Assemblea e sono pensati soprattutto  per gli “addetti ai lavori”.

In America da anni le corporation lasciano a documenti di compliance il compito di rispondere agli obblighi normativi e borsistici (ad es. con l’F20) ma poi redigono anche prodotti editoriali più snelli per comunicare in modo più sintetico e accattivante i risultati e i principali progetti aziendali.

Dunque i report finanziari, quali strumenti di compliance, e il company profile come strumento di comunicazione, sono elementi complementari per capire e conoscere meglio un’azienda.

In questo scenario l’ingresso nella dimensione digitale ha determinato una ulteriore evoluzione del reporting verso una forma narrativa.

In  pochi anni si è passati dalla replica sul web dei bilanci stampati alla comprensione delle potenzialità dell’online. Come indica la ricerca Webranking di Comprend, diffusa in Italia da Lundquist lo scorso anno, il numero di aziende europee che hanno prodotto un bilancio interattivo ibrido, vale a dire che non replica tutto il bilancio in HTML, è più che raddoppiato rispetto all’anno precedente. Molte di queste presentano una versione semplificata del bilancio in formato HTML con un maggior focus sul racconto dell’azienda e sui temi chiave dell’anno. Spesso anche il nome «annual report» viene abbandonato a favore di termini come «online reviews» e «stories of the year». L’approfondimento rimane disponibile in PDF, il formato preferito da analisti e investitori istituzionali.

Il Company Profile di TIM

Anche in TIM da quattro anni insieme al Bilancio d’esercizio realizziamo un company profile. Un  sito e un documento scaricabile dove la presentazione dei risultati finanziari e operativi  diventa lo spunto per raccontare, anche ad un pubblico meno specialista, i principali  temi e le attività chiave dell’anno: le linee strategiche, i nuovi servizi, i progetti della sostenibilità o in campo sociale, l’attività di ricerca e innovazione.

Vita e società digitale è il company profile 2016. La logica di questa edizione capovolge la visione dall’io narrante: l’azienda non si racconta (o si racconta poco) ma ascolta e risponde alle domande del nostro tempo.

Dalla analisi delle ricerche sui trend emergenti presso i Millennials ed altri target, abbiamo scelto 7 grandi temi,  4 di "industry" e 3 "valoriali": Inclusione, Integrazione dei servizi, Smart Life, Sicurezza dei dati e delle persone, Fiducia, Competenza, Solidità. Intorno a ciascuno di essi, accanto ai dati e alle informazioni dello scenario, abbiamo raccolto le nostre risposte.

Il sito si struttura con uno slider full page, che permette di scorrere orizzontalmente l'home page nelle cover di lancio dei vari capitoli. Ad ogni capitolo è associata un’immagine emotiva e un suo colore. I 7 capitoli si aprono con una landing dedicata che segue la strategia del contenuto: una prima parte con "lo scenario dal mondo” caratterizzato con una propria cromia, a seguire il contenuto legato alla nostra azienda, il "nostro scenario” caratterizzato dai colori istituzionali. La realizzazione offline segue la stessa stuttura e cromie, con grafici e infografiche a corredo dei testi.

La sua evoluzione

Inizialmente nato come versione narrativa del bilancio - per allargare l’audience e coinvolgere non solo il target di riferimento (investitori individuali, giornalisti di settori, dipendenti, giovani che cercano lavoro) ma anche il pubblico generalista - è diventato sempre di più un prodotto in grado di dare evidenza delle diverse attività del Gruppo con specifiche caratteristiche editoriali. Essere:

coinvolgente: sia per i contenuti selezionati sia per la loro modalità di racconto e rappresentazione attraverso l’uso di foto, infografiche, video, evidenza dei messaggi chiave;

semplice, ma non semplicistico: deve rivolgersi anche al pubblico generalista (popolazione digitale), senza però dimenticare le esigenze del target specialistico, a cui deve fornire tutti i possibili strumenti di approfondimento quali link ai pdf completi, ai dati finanziari, ai webcasting;

concreto: per ogni tema offre informazioni precise, dati, esempi;

aggiornabile con le novità che emergono trimestralmente, in concomitanza con le presentazioni dei risultati finanziari e la produzione dei relativi report.

La sua evoluzione:

Fino al 2012: Replica in HTML del bilancio d’esercizio.

2013: Connected Life-  Sintesi di alcune aree chiave (innovazione, sostenibilità, talenti ) accompagnata da storie. E’ fra i primi esempi in Italia di reporting online ibrido, come mix di presentazione dei risultati e storytelling sulle attività.

2014: Telecom Italia oltre i numeri - Overview dei numeri chiave, della strategia e delle principali aree di intervento nella società, con una approfondita  videointervista all’Amministratore Delegato. Segna una ulteriore evoluzione rispetto a quello dello scorso anno nella forma di reporting narrativo, contestualizzando la strategia del Gruppo, il suo ruolo nella società,  la sostenibilità ed innovatività del modello di business.

2015: Connessi al futuro - Racconto dei risultati e della  strategia del Gruppo attraverso l’innovazione, la responsabilità sociale e l’attenzione alle persone ed ai giovani, con 9 videointerviste ai principali  manager. Il company profile del 2015, pur nel solco del reporting, diversamente dai bilanci, spiega il presente ma parla molto di futuro.       

Per questo ogni anno il nostro company profile ha un titolo che segnala il posizionamento, il principale obiettivo o risultato di quel periodo e, a ben vedere, la lettura di questi prodotti offre una visione dell’evoluzione e i cambiamenti della nostra azienda.   

Buona navigazione e buona lettura.