Programma il Futuro  Arriva il coding nelle scuole Programma il Futuro  Arriva il coding nelle scuole

Programma il Futuro
Arriva il coding nelle scuole

Il parere degli esperti

Stampa
- + Text size

Il MIUR, grazie alla collaborazione con il CINI – Consorzio Interuniversitario Nazionale per l’Informatica, lancia per l’a.s. 2014/2015 l’ iniziativa Programma il Futuro - parte del programma #labuonascuola - con l’obiettivo di fornire alle scuole una serie di strumenti semplici, divertenti e facilmente accessibili per formare gli studenti ai concetti di base dell'informatica e del pensiero computazionale.

Abbiamo intervistato Enrico Nardelli dell'Università di Roma Tor Vergata e Giorgio Ventre dell'Università di Napoli Federico II, i due coordinatori del Progetto per conto del CINI.

Enrico Nardelli:

Certamente possiamo dire che se il Novecento è stato il secolo dell’alfabetizzazione di massa, quello attuale è il secolo dell’alfabetizzazione digitale. Questo implica che i ragazzi debbano necessariamente trasformarsi da semplici “consumatori di tecnologia” a persone in grado di applicare il pensiero computazionale per capire, controllare e sviluppare contenuti. Tutto questo li aiuterà nel risolvere i problemi e cogliere le opportunità che la società è già oggi in grado di offrire loro. Da qui la necessità di un piano nazionale per la scuola italiana.