Coding - Saranno programmatori? Coding - Saranno programmatori?

Coding - Saranno programmatori?

"Programma il futuro": portiamo il coding nelle scuole elementari

- + Text size
Stampa

Si è svolta il 3 dicembre presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) la Conferenza Stampa "Programma il Futuro".

Il progetto triennale, nato dalla collaborazione con il MIUR e il Consorzio Interuniversitario Nazionale per l'Informatica (CINI), ha già coinvolto 1.176 classi (dati al 1 dicembre 2014), alle quali sono stati forniti strumenti divertenti e facilmente accessibili. Nel corso di questi mesi di sperimentazioni sono state programmate delle lezioni, interattive e non, per avvicinare gli studenti al mondo informatico in un percorso formativo che vada al di là dell'iniziale alfabetizzazione digitale e che renda i ragazzi consapevoli delle potenzialitità delle nuove tecnologie e attori attivamente partecipi del loro sviluppo.

Il ruolo di Telecom Italia

Telecom Italia è la prima azienda ad aver aderito al progetto "Programma il Futuro" ed è unica nel ruolo di partner "Mecenate".

Telecom Italia è costantemente  impegnata nella trasformazione digitale del Paese e nell’educazione al digitale per cambiare il mondo della Scuola.

Attraverso azioni di “Corporate Social Responsibility”,  ricopre inoltre un ruolo attivo e propositivo nel quadro dell'Agenda Digitale europea e italiana.

Nell'ambito del progetto Telecom Italia contribuirà a:

  • comunicare e promuovere il progetto
  • premiare le scuole più attive e meritevoli
  • fornire supporto e assistenza alla formazione in aula con volontari Telecom Italia presenti nelle scuole

Computer Science Education Week

Dall'8 al 14 dicembre si svolgerà la settimana dedicata al #coding, in cui è prevista una partecipazione di oltre 8.000 classi e 155.000 studenti.

Interessanti sono stati i dati emersi dalla settimana europea del codice tenutasi dall’11 al 17 ottobre 2014:

  • 1.176 classi sono state coinvolte
  • 22.464 studenti hanno partecipato
  • 16.166 studenti hanno completato almeno un’ora di programmazione

Dati al 1 dicembre 2014

Valutazione da parte di insegnati e studenti:

  • il 98% degli insegnanti ha valutato il progetto utile o molto utile
  • l'87% degli studenti sono stati interessati o molto interessati
  • il 79% degli insegnanti ha dichiarato che le aspettative sono state soddisfatte
 
 

Alfabetizzazione digitale

Se il Novecento è stato il secolo dell’alfabetizzazione di massa, quello attuale è il secolo dell’alfabetizzazione digitale: è necessario che i ragazzi si convertano dall’essere semplici consumatori di tecnologia a persone in grado di applicare il pensiero logico per capire, controllare, sviluppare contenuti e metodi per risolvere i problemi e cogliere le opportunità che la società è già oggi in grado di offrire

Stefania Giannini, Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Per essere adeguatamente preparato a qualunque lavoro vorrà fare da grande, a uno studente è ormai indispensabile una comprensione dei concetti di base dell’informatica. Esattamente com’è accaduto nel secolo passato per la matematica, la fisica, la biologia e la chimica

Enrico Nardelli e Giorgio Ventre, coordinatori del progetto per conto del CINI