TIM e Ducati vincono il Premio Nazionale per la Sicurezza Stradale TIM e Ducati vincono il Premio Nazionale per la Sicurezza Stradale

TIM e Ducati vincono il Premio Nazionale per la Sicurezza Stradale

Stampa
- + Text size

TIM #guardaavanti: l'iniziativa in partnership con Ducati per un utilizzo attento e consapevole del telefonino alla guida.

Un nostro vecchio e amato spot pubblicitario diceva “una telefonata allunga la vita”: senz’altro vero ma mai alla guida, soprattutto senza la dovuta accortezza.

È con questo spirito che TIM e Ducati hanno realizzato il progetto #guardaavanti dedicato alla sensibilizzazione dei più giovani verso un utilizzo più corretto e una maggiore consapevolezza dei rischi che tale utilizzo comporta.

L’Istat ha calcolato che nel 2014 ben 37 mila incidenti sono stati causati da distrazioni alla guida e l’oggetto della disattenzione è molto spesso il cellulare con tutte le sue tentazioni: chiamate, messaggi, selfie, navigazione sul web.

La paura di essere “tagliati fuori” e perdere interazioni importanti (in inglese c’è un acronimo per descrivere questa sindrome: F.O.M.O. Fear of missing out) fa sì che si guardi il telefonino ogni 6 minuti circa (Fonte KPCB internet trends 2014), compresi i momenti in cui si è al volante, basti pensare che un italiano su otto usa regolarmente il telefonino alla guida (Fonte ASAPS 2014).

Negli Stati Uniti per disincentivare l’uso del telefonino alla guida, la compagnia telefonica AT&T ha lanciato, attraverso la campagna “I Can Wait”, un’app che spegne il dispositivo quando si superano le 15 miglia orarie e lo riaccende automaticamente quando si scende al di sotto.

Una misura d’urto che di fatto impedisce di cedere alla tentazione.

Sensibilizzazione ed educazione all’uso responsabile del cellulare sono stati invece i driver dell’iniziativa di TIM e Ducati che, dal 2014 ad oggi, ha convolto oltre 7 mila ragazzi nei laboratori #guardaavanti distribuiti in tutta Italia e ha sviluppato oltre 10 milioni di contatti in rete attraverso una campagna social che ha visto coinvolti in qualità di testimonial famosi piloti come Andrea Iannone, Andrea Dovizioso e Loris Capirossi.

Sul sito http://www.guardaavanti.it/ si trovano approfondimenti, articoli, testimonianze e anche una sezione dedicata al gaming per approfondire i temi trattati durante gli eventi live.

I risultati di questi anni di impegno sono stati premiati dall'Associazione familiari e vittime della strada Basta Sangue Sulle Strade Onlus che ha istituito il Premio Nazionale Sicurezza Stradale Basta Sangue Sulle Strade, giudicando l’iniziativa di TIM e Ducati come la più meritevole nella categoria Imprese.

Un riconoscimento importante, che sottolinea come le aziende risultino credibili quando affrontano, con iniziative sociali, temi d’attualità attinenti al loro business.

Cultura digitale non è solo il possesso di competenze specifiche ma anche la sensibilità di utilizzare opportunamente le possibilità che la tecnologia offre.

Riportiamo qui le regole di chi #guardaavanti:

  • Quando guida, tiene il cellulare in tasca, gli occhi sulla strada e le mani sul manubrio/volante
  • Utilizza le tecnologie per migliorare la propria vita e la propria sicurezza
  • Ha mete da raggiungere, ed è fermamente intenzionato ad arrivarci
  • È un buon esempio per tutti quelli che lo seguono