Gruppo Telecom Italia

Fatti chiave nei primi 9 mesi del 2014

Telecom Italia debutta nel “seed investment” a sostegno delle start up digitali

20 febbraio

Telecom Italia annuncia un investimento di 4,5 milioni di euro nei prossimi 3 anni (1,5 milioni all’anno a partire da quest’anno) in opzioni o nel capitale sociale delle startup più innovative in ambito digital, internet, mobile e green ICT, settori in linea con il proprio business.

Questa iniziativa si inserisce nel panorama di attività di sostegno e sviluppo dell’ecosistema dell’imprenditoria digitale che Telecom Italia promuove tramite il progetto Working Capital (WCAP) e i suoi 4 acceleratori d’impresa a Milano, Bologna, Roma e Catania.

Grazie allo strumento del “seed investment”, Telecom Italia può investire in opzioni o entrare direttamente a far parte del capitale sociale delle start up, acquisendone quote di minoranza, con un valore di entità compresa tra i 100 e i 500 mila euro. Il termine “seed”, ovvero seme, sta ad indicare come tali investimenti siano dedicati proprio alla fase di avvio di giovani imprese tecnologiche, opportunamente selezionate, per sostenerne il percorso di crescita e di inserimento sul mercato.

Telecom Italia debutta nel “seed investment” a sostegno delle start up digitali. Leggi di più 

Scopri come Telecom Italia valorizza i talenti con progetti come Working Capital, JOL e ChangeMakers

Grandi concerti di musica classica su web: ritorna PappanoinWeb

31 marzo

Ad aprile prende il via la quarta edizione di PappanoinWeb, progetto dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e di Telecom Italia volto alla diffusione e alla promozione della musica classica anche tramite il web. L’iniziativa estende infatti al pubblico della Rete la possibilità di ascoltare grandi concerti di musica classica e  di interagire con i protagonisti e gli esperti del settore. Chiunque può “partecipare” all’evento condividendo impressioni ed emozioni con tutti gli altri appassionati, grazie alle conversazioni live sul web e sui social network di Telecom Italia.

Per offrire al pubblico informazioni ed approfondimenti sui capolavori in programma, tutti gli appuntamenti dell’edizione 2014 di PappanoinWeb sono arricchiti, in apertura del concerto, da una guida all’ascolto a cura del musicologo Giovanni Bietti o dello stesso Maestro Pappano.

La sola edizione 2013 di PappanoinWeb è stata seguita da oltre 50.000 utenti connessi in Rete ed ha  generato una forte interazione sui social network,  dove sono state prodotte circa 800 conversazioni.

PappanoinWeb, vincitore del Premio Cultura+Impresa. Approfondisci  

Scopri il sito Pappanoinweb

Naviga il sito dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Scopri gli altri progetti culturali sostenuti da Telecom Italia

Big Data Challenge: tecnologia al servizio della Pubblica Amministrazione

3 aprile

Il contest ‘Big Data Challenge’ - ideato da Telecom Italia insieme a EIT ICT Labs, MIT Media Lab, Politecnico di Milano e Trento RISE (con il contributo di Fondazione Bruno Kessler e l’Università degli Studi di Trento) - ha l’obiettivo di stimolare la creazione e lo sviluppo di idee tecnologiche innovative nel campo dei Big Data, a favore della qualità della vita del cittadino e a supporto della Pubblica Amministrazione.

Professionisti e appassionati del settore hanno potuto confrontarsi a livello globale, scegliendo una delle tre aree d'azione proposte: app, data analytics e visualizzazione di dati. I tre vincitori, premiati i primi di aprile a Trento in occasione degli ICT Days, hanno ricevuto 6.000 euro ciascuno.

Hanno partecipato al contest più di 1.000 professionisti da oltre 40 paesi, proponendo servizi di ogni tipo: dal miglioramento della mobilità personale alla possibilità di prevedere i livelli di inquinamento.

Scopri le tecnologie ITC pensate per la Pubblica Amministrazione

Scopri i vincitori del contest

Per saperne di più sul Big Data Challenge leggi il comunicato stampa 

Visita il sito Big Data Challenge

Fonti rinnovabili: Telecom Italia e l’accordo con A2A

23 giugno

Telecom Italia è il secondo più grande utilizzatore di energia elettrica del Paese e grazie all’accordo siglato a giugno 2014 con A2A  potrà abbattere ulteriormente l’impatto ambientale delle proprie attività con la riduzione di emissione di CO2 di oltre il 70%. A2A è il secondo operatore elettrico in Italia e si caratterizza per un significativo utilizzo di fonti rinnovabili, da cui deriva oltre il 40% della propria produzione elettrica e per una forte diversificazione delle fonti energetiche.

L’accordo prevede l’acquisto di energia elettrica prodotta solo da fonti rinnovabili, funzionale a garantire il fabbisogno di energia per tutte le aziende del Gruppo per i prossimi due anni.

L’annuncio è stato dato il 23 giugno durante il primo “Telecom Italia Energy Day”, un evento dedicato all'efficienza energetica e alle soluzioni di energia rinnovabile, promosso all’interno della nona edizione della EU Sustainable Energy Week, che ha avuto luogo la settimana dal 23 al 27 giugno 2014.

L'accordo di Telecom con A2A per l’acquisto di energia da sole fonti rinnovabili. Leggi il comunicato stampa

Approfondisci leggendo le notizie sull’Energy Day

Scopri di più sulla Settimana Europea dell’Energia Sostenibile (EU Sustainable Energy Week)

Scopri l’Energy Day sui social media

Scopri come Telecom Italia si impegna a ridurre l’impatto sull’ambiente

Working Capital: le 40 start up selezionate da Telecom Italia e inserite nell’elenco fornitori

11 luglio

Working Capital è un’iniziativa di Telecom Italia volta a creare nuove realtà d’impresa fornendo supporto finanziario e manageriale nel loro percorso di sviluppo.

Le 40 proposte più innovative dell’edizione 2014 ricevono ciascuna 25.000 euro, per un importo totale di 1 milione di euro, ed entrano subito nel programma di accelerazione “Albo Veloce di Telecom Italia”: uno strumento che le inserisce nell’elenco fornitori di Telecom Italia. Infatti, per facilitare e sostenere la commercializzazione dei loro prodotti e servizi,  Working Capital ha introdotto lo scorso anno un “albo veloce”,  ovvero una corsia a loro dedicata per l’ingresso all’albo dei fornitori del Gruppo, e il “basket dell’innovazione”. Il “basket” consiste nello stanziamento di un budget di 1 milione di euro per coprire parte dei costi dei servizi commissionati dalle Business Unit di Telecom Italia alle startup.

Inoltre, per la prima volta vengono assegnate 9 menzioni speciali ad altrettanti team che, dato il grado di maturità del progetto, non necessitano del percorso di accelerazione e rientrano automaticamente nell’Albo Veloce di Telecom Italia.

Dal 2009 ad oggi, Working Capital ha raccolto oltre 7000 progetti, supportato 220 start up e assegnato 150 grant d’impresa, fornendo un importante contributo all’intera filiera dell’economia digitale e allo sviluppo di una “Rain forest” italiana, un ecosistema dell’innovazione.

Dalla prossima edizione del WCAP 2014, infine, è previsto un ulteriore supporto alle startup con l'introduzione del Crowdfunding , attraverso un’apposita piattaforma collegata al sito di Working Capital, ovvero un finanziamento collettivo  che permetterà di raccogliere fondi per i diversi progetti.

Il lancio del bando 2014. Vai al comunicato stampa

La selezione dei vincitori

La visita dell’Ambasciatore U.S.A. John Philips all’acceleratore Working Capital di Roma. Leggi il comunicato stampa  

I nuovi servizi dell’acceleratore catanese di Working Capital. Vai al comunicato stampa

Scopri il Working Capital Accelerator di Bologna

Contest ‘Italia Connessa’: pubblico e privato insieme per ridurre il divario tecnologico

16 luglio

“Italia Connessa” è un concorso con l’obiettivo di realizzare le infrastrutture UltraBroadBand anche nei piccoli comuni italiani, favorendo così la diffusione di servizi digitali utili ai cittadini, alle imprese e alle amministrazioni. Dopo l’edizione del 2013 è partito a luglio il secondo contest. 

L’iniziativa è stata promossa per fronteggiare e ridurre il divario tecnologico che ancora oggi esiste nel nostro Paese tra zone più e meno sviluppate, coerentemente con gli obiettivi indicati dall’Agenda Digitale.

“Italia Connessa” si rivolge ai comuni italiani di medie dimensioni, con una popolazione compresa tra i 15.000 e i 50.000 abitanti, con l’obiettivo di selezionare e premiare il territorio che presenterà il piano di sviluppo digitale locale più innovativo e concreto. Il Comune vincitore - selezionato entro la fine del 2014 – vedrà la realizzazione di una rete fissa di nuova generazione (NGN) e di una copertura con rete mobile di quarta generazione (LTE), finanziate e realizzate da Telecom Italia entro il 2015.

Tra il 2005 e il 2013 Telecom Italia ha sostenuto un programma d’investimenti straordinari riuscendo così a fornire la copertura ADSL a circa 4.000 comuni, pari al 12% della popolazione. A settembre 2014 la copertura della banda larga è  del 99%, vicina agli obiettivi dell’Agenda Digitale Europea.

Leggi il comunicato sulla seconda edizione del contest "Italia Connessa"

Leggi le notizie  sul “contest” sul sito di Telecom Italia

Approfondisci gli obiettivi dell’Agenda Digitale Europea

La prima e seconda edizione dello studio ‘Italia Connessa’. Scopri di più  

Il contributo di Telecom Italia all'Agenda Digitale. Approfondisci

 

31 luglio

Salgono a 1.138 le città italiane già raggiunte a luglio dalla nuova rete mobile LTE (Long Term Evolution) per una copertura outdoor pari a oltre il 60,5% della popolazione a livello nazionale, che arriverà ad oltre l’80% entro il 2016. 

Per navigare da Smartphone, Tablet e PC con la nuova tecnologia è disponibile l’offerta Internet 4G LTE di TIM per la clientela consumer e per quella business, tutti i dettagli delle offerte e dei prodotti 4G LTE sono  on line su www.tim.it/internet/ultra-internet-4G-LTE (per la clientela Consumer) e www.impresasemplice.it/offerte-ultra-internet (per la clientela Business). La rete 4G permette la trasmissione dei dati con una velocità fino a 100 Mbit/s in download e fino a 50 Mbit/s in upload, rendendo disponibili servizi e contenuti multimediali in alta definizione in mobilità.

Telecom Italia ha poi avviato la sperimentazione al pubblico dei servizi TIM basati sulla tecnologia LTE Advanced, l’evoluzione della rete 4G che permette di raggiungere una velocità di connessione fino a 180 Megabit al secondo, circa il doppio rispetto a quella massima attualmente disponibile sulle reti mobili italiane. A luglio 2014, dopo oltre un anno di sviluppo in laboratorio, la tecnologia LTE Advanced è stata aperta al pubblico in via sperimentale con un  test live di alcuni giorni nella città di Torino.

Scopri maggiori informazioni sul primo test  “live” in Italia della tecnologia LTE Advanced su reti TIM

Approfondisci lo sviluppo di Telecom Italia nella tecnologia 4G

Leggi di più sulla tecnologia LTE

Guarda la mappa della copertura dell’LTE in Italia

Scopri la rete di telecomunicazioni di Telecom Italia

 

13 agosto

Dopo TIMvision e TIMmusic prosegue il rebranding dei servizi per la distribuzione dei contenuti digitali di Telecom Italia. Da quest’estate la piattaforma dedicata all’editoria, Cubolibri, ha cambiato nome in TIMreading e così anche la piattaforma on line dedicata al gaming, Cubogiochi, è diventata TIMgames.

Nell’edicola di TIMreading, accanto ai maggiori quotidiani nazionali, sono presenti oltre 65 mila titoli tra eBook e altri periodici e quotidiani in catalogo. Le ultime novità sono i magazine Gambero Rosso e quelli Gruner und Jahr, tra cui GEO e Focus. E’ possibile sfogliare le proposte di TIMreading da tablet Android e Apple.

TIMgames offre a tutti i clienti TIM una scelta di circa 1700 giochi, con un aggiornamento settimanale e la possibilità di scaricare su tablet e smartphone i migliori giochi on demand e in abbonamento.

Leggi la nota stampa su TIMreading

Leggi la nota stampa su TIMgames

Scopri come Telecom Italia affronta il processo di digitalizzazione dei contenuti e dei supporti digitali sul sito

 

22 settembre

Prosegue anche nel 2014 - dopo la creazione nel 2013 delle isole digitali con nuove tecnologie cloud e NFC e la collaborazione tecnologica per la realizzazione della “cabina di regia” della Smart City - la partecipazione attiva di Telecom a Expo 2015 con il progetto Belvedere in città che consente di seguire, attraverso l’utilizzo di droni, l’avanzamento dei lavori nel sito espositivo dell’Expo del 2015. 

Ogni settimana, fino ad aprile 2015, un drone, cioè un piccolo robot volante, sorvolerà a diverse altezze il cantiere dell’Esposizione Universale, riprendendo le attività in corso di realizzazione. Le immagini dall’alto dei cantieri saranno trasmesse all’interno di Expo Gate, sui siti web e canali social di Expo 2015 e di Telecom Italia. 

I droni utilizzati sono dotati di 6 motori elettrici e sono controllati da una elettronica di bordo in grado di mantenere i dispositivi stabili anche in condizioni meteo avverse. Ogni apparecchio dispone di un sistema GPS ed è capace di ospitare telecamere, macchine fotografiche, sensori a infrarossi e altri sistemi per il rilevamento delle caratteristiche ambientali. 

L’iniziativa Belvedere in città è stata illustrata nel corso dell’inaugurazione del nuovo spazio multifunzionale TIM4Expo, realizzato presso La Triennale di Milano: una vetrina tecnologica innovativa che farà scoprire l’intero eco-sistema digitale di Expo Milano 2015. Nel mese di luglio lo spazio TIM4Expo  ha anche ospitato la mostra fotografica “Telecom Italia Data Center – THE CLOUD SHELTER” (realizzata in collaborazione con Magnum Photos ed Expo 2015), nata per valorizzare la realtà intangibile del Cloud Computing e il “sistema nervoso centrale” del Digital Expo e di tutta la Digital Smart City di Expo Milano 2015 attraverso le splendide fotografie del Data Center di Rozzano.

Guarda il cantiere Expo Milano 2015 via drone

Leggi il comunicato stampa sul primo video dei cantieri Expo

Segui la pagina ufficiale di TIM4Expo su Facebook

Scopri maggiori informazioni sulla mostra "Telecom Italia Data Centre - The Cloud Shelter"

Leggi il comunicato stampa sulla presentazione del progetto "Belvedere in città"

Visita la sezione Expo2015 sul sito di Telecom Italia

Scopri come Telecom Italia contribuisce a ExpoMilano 2015

Leggi il comunicato stampa sulla "cabina di regia" della Smart City

Leggi il comunicato sulle Isole Digitali

Scopri di più sui droni

 

25 settembre

Dopo le Olimpiadi Invernali di Sochi, la FIFA World Cup e il campionato mondiale di Formula1, Sky e Telecom Italia confermano la loro partnership offrendo la possibilità ai propri clienti di vedere su smartphone e tablet la stagione di calcio europeo, grazie a TIMvision (la TV on demand di Telecom Italia). L’accordo  prevede infatti la trasmissione sulle reti 3G e 4G di TIM dei canali Sky dedicati ai match in esclusiva della “Uefa Champions League” e alle partite di qualificazione a “Uefa Euro 2016”. 

Il rapporto fra queste due grandi aziende, avviato lo scorso novembre, farà sì che sin dai primi mesi del 2015 i clienti consumer di Telecom Italia potranno usufruire di un’offerta Sky equivalente, in termini di contenuti, servizi e pricing, a quella disponibile via satellite, segnando così la nascita della prima IPTV (Internet Protocoll TV): la televisione via internet di nuova generazione in Italia.

E in effetti Telecom Italia e Sky, , operano nel grande mercato dell’intrattenimento mettendo in sinergia i propri asset e le rispettive competenze, anche in un’ottica di sviluppo della banda larga nel Paese. Da una parte infatti l’offerta Sky è elemento chiave della strategia UltraBroadBand di Telecom Italia e, dall’altra, l’accesso alla rete di nuova generazione permette a Sky di beneficiare di un’ulteriore piattaforma distributiva per i propri programmi.

Scopri i dettagli dell'accordo di settembre 2014 tra Telecom Italia e Sky

La nuova IPTV italiana a partire dal 2015

Scopri i vantaggi per i clienti Telecom Italia e Sky

L'offerta Sky sulle reti Ultrabroadband di Telecom Italia. Vai al comunicato stampa

Scopri l'accordo per accedere ai canali Sky dedicati ai giochi olimpici

Scopri l'accordo per vedere il campionato mondiale di Formula 1 su smartphone e tablet

Scopri l'accordo per accedere al canale di Sky dedicato ai Mondiali

 

7 ottobre

Ad agosto, ANCI (l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) e Telecom Italia hanno siglato un protocollo d’intesa per l’avvio del programma “Città 3.0”, con la sperimentazione di servizi innovativi per le smart city in quattro città italiane: Benevento, Lecce, Piacenza e Pordenone. L’iniziativa ha l’obiettivo di offrire soluzioni tecnologiche a supporto del territorio, in grado di aumentare la competitività delle amministrazioni locali e di migliorare la qualità di vita dei cittadini, a beneficio di una maggiore sostenibilità.

Nella sperimentazione, Telecom Italia ha messo a disposizione: piattaforme innovative per monitorare l’energia; sistemi di nuova generazione basati su Big Data per rilevare fenomeni urbani e trend di comportamento in occasione di grandi eventi; SIM Card, chiave di accesso per la gestione di servizi d’identità digitale in ambito di e-government e sanità; Mobile Wallet per utilizzare lo smartphone sia come borsellino elettronico sia come strumento di uso quotidiano per servizi quali trasporti e parcheggi; arredi urbani intelligenti integrati con l’ambiente circostante e terminali personali per facilitare la comunicazione tra la pubblica amministrazione e i cittadini.

Inoltre,  per garantire città più vivibili e sicure il Politecnico di Torino e Telecom Italia hanno promosso un incontro, nel mese di luglio a Torino,  per delineare lo stato delle innovazioni, anche dal punto di vista giuridico e normativo,  nel settore della  robotica di servizio applicata alle smart city del futuro. Infine, per la prima volta in Italia, tra fine settembre e inizio ottobre, sono stati resi disponibili al pubblico i risultati del progetto europeo UrbanIxD, l’iniziativa che ha consentito di sperimentare - attraverso l’ausilio di video e prototipi - i futuri modelli di quotidianità.

Leggi la nota stampa sull'accordo tra Telecom Italia e ANCI

Scopri di più sul convegno di Torino sulla robotica per le smart city

Scopri cosa sono i droni

Approfondisci JOL CRAB per la robotica

Guarda le foto della mostra "UrbanIxD" presso il Future Centre di Telecom Italia