Credere nella persona per credere nella crescita - Luca, Roma

14/08/2015 - 13:00

- + Text size
Stampa

Luca, Open Access Telecom Italia, sedici anni in azienda e un percorso di crescita basato non solo sulle competenze, ma anche sui valori etici e morali.

Pellicciotta-300x300

Le mie più grandi esperienze di crescita all'interno dell'azienda si sono verificate quando ho incontrato delle persone che hanno creduto in me, anche quando non c'era motivo di farlo. Persone che hanno saputo guardare e apprezzare la mia persona ancor prima del mio bagaglio tecnico. Quando nel lavoro, come nella vita, mi capita di incontrare persone che, al di fuori dell'aspetto tecnico, credono in me come persona, per il carattere che ho, per i valori etici e morali che riesco a trasmettere, questo mi dà la forza e la speranza per andare avanti anche nei momenti difficili. In un mondo governato dalla logica del profitto e del denaro ad ogni costo, in cui IO non m’identifico, sapere che esistono valori morali in cui vale sempre la pena credere, mi dà un motivo in più per fare meglio. E oggi, con sedici anni di azienda alle spalle, questa visione di vivere la vita e il lavoro, mi fa trovare ancora grande soddisfazione in quel che faccio. Mi dà la forza di gestire serenamente anche situazioni a volte assai difficili. E la cosa ancora più bella è che trasmettendo serenità si riesce anche, a volte, a rendere serena una giornata storta, al collega che ti lavora a fianco.

Luca Pellicciotta, Roma

In ogni cosa, la fiducia che si sa ispirare costituisce la metà del successo. La fiducia che si avverte è l’altra metà

Victor Hugo