Le nuove logiche di organizzazione

07/11/2016 - 11:00

- + Text size
Stampa
FAN9000844

L’evoluzione organizzativa, basata su una nuova logica di rappresentazione e gestione dei processi (ovvero l'insieme di attività orientate ad un risultato che soddisfi il cliente interno o esterno), iniziata nel gennaio del 2014, prosegue attraverso un lavoro focalizzato su 4 obiettivi principali:

  • mappatura dei processi core: con la definizione di un modello per l’identificazione dell’elenco dei  processi primari aziendali e la mappatura progressiva delle catene del valore (ossia dei processi ad essi interrelati)
  • semplificazione dei processi: si punta sul reengineering dei processi core  “critici” (ossia per i quali è necessario un monitoraggio più attento), in linea con i piani  strategici e le indicazioni normative e regolamentari, supportato da analisi costi/benefici
  • monitoraggio dell’efficacia dei processi: con la costruzione di una libreria dei principali indicatori End to End dei processi/catene del valore ed il monitoraggio dei loro andamenti in termini di trend rispetto ai target di performance definiti
  • attualizzazione ed ottimizzazione dei documenti procedurali a supporto dei processi: al fine della razionalizzazione dell’impianto documentale e della sua tutela, curandone gli aspetti connessi alla protezione, conservazione, archiviazione ed all’agevole ricerca e reperimento dei documenti stessi.

Particolare importanza si sta dando anche ai piani di formazione di tutte le persone che lavorano in questo ambito, sfruttando strumenti quali l’education digitale, la gamification e la creazione di una community attiva allo scopo di assicurare un luogo di confronto, scambio e condivisione di best practice sul Business Process Management.

L’obiettivo è cogliere l’occasione per cambiare il modus operandi di chi sia coinvolto nel progetto (circa 1.300 persone distribuite in tutte le funzioni aziendali) affinché i nuovi strumenti digitali possano portare ad una diversa e più fluida modalità per la condivisione delle proprie conoscenze ed esperienze professionali favorendo, così, lo sharing di idee e di specifico know-how.