Valorizzazione delle diversità: Telecom Italia vince il GLBT Diversity Index 2015

26/06/2015 - 16:14

- + Text size
Stampa

Parks, l’associazione di imprese che lavora sui temi delle differenze e delle pari opportunità, di cui Telecom Italia è Socio Fondatore, ha annunciato il vincitore del GLBT Diversity Index 2015, la classifica annuale delle aziende più inclusive e aperte alla diversità: Telecom Italia ha ottenuto questo importante riconoscimento, che per la prima volta viene vinto da un’azienda italiana.

Un’importante vittoria per il nostro Gruppo che, grazie alle iniziative e ai programmi di diversity management realizzati nel 2014/2015, ha guadagnato molti punti rispetto allo scorso anno risultando primo in classifica.

La premiazione, con la presentazione dei risultati, è avvenuta nel corso del 4° Forum GLBT People at Work che si è tenuto a Milano nei giorni 25 e 26 giugno 2015.

Il GLBT Diversity Index: che cos’è?

È uno strumento di misurazione del successo di un’impresa nel raggiungimento dell’obiettivo strategico di inclusione delle persone GLBT (Gay, Lesbiche, Bisessuali, Transgender), ma anche uno strumento di confronto con altre aziende italiane.

Attraverso un questionario, l’indice valuta e valorizza le attività aziendali che mirano alla creazione di un ambiente lavorativo inclusivo e rispettoso: dal coinvolgimento del management ai benefit e permessi estesi ai partner dello stesso genere, dalla formazione dei dipendenti alla comunicazione interna ed esterna.

L’indagine è stata condotta attraverso un questionario suddiviso in 4 aree (Politiche di non discriminazione, Benefit e permessi, Competenze organizzative, Impegno verso l’esterno) che, nell’edizione del 2015, conteneva domande relative a:

  • obiettivi di inclusione nella misurazione delle performance
  • politiche di inclusione e comunicazione delle stesse nelle fasi del reclutamento dei dipendenti.

Le attività di Telecom Italia

All’interno del nostro Gruppo la diversità è da sempre vista come opportunità, un potenziale da valorizzare attraverso progetti e iniziative volte a creare un ambiente di lavoro inclusivo.

Molte le attività realizzate nell’ultimo anno dal Diversity Management, in collaborazione con People Caring, tra cui:

  • la diversità di orientamento sessuale: abbiamo adottato una policy che cerca di equiparare, anche spesso superando la legislazione, la vita in azienda delle persone omosessuali e transessuali;
  • networking: il nostro Gruppo è stato tra le prime aziende italiane a divenire Socio Fondatore di Parks, partecipando attivamente e in collaborazione con altre imprese alla creazione di ambienti di lavoro rispettosi di tutte le persone, attraverso l’implementazione della più avanzata strumentazione Human Resources a livello internazionale;
  • comunicazione: organizziamo workshop e seminari interni rivolti al Management su come attuare pratiche d’accoglienza per le persone LGBT (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transgender) affinché si sentano a proprio agio nell’ambiente di lavoro; partecipiamo attivamente a convegni dedicati ai temi dell’ orientamento sessuale e di identità di genere. È stato anche attivavo un blog aziendale nel quale vengono trattati e approfonditi i temi LGBT;
  • Corporate Social Responsibility: abbiamo aderito al programma del Dipartimento Pari Opportunità per il Progetto DJ – Diversity on the job –, un’iniziativa sperimentale per la promozione dell’inserimento lavorativo di soggetti discriminati e svantaggiati, offrendo a Napoli 8 tirocini a persone che hanno subito discriminazioni per il loro orientamento sessuale o identità di genere;
  • Estensione di Policy, Benefit e permessi: il nostro Diversity Board si è impegnato affinché fosse concesso un periodo di permesso retribuito, identico nella durata alla licenza matrimoniale, alla prima persona che ha celebrato all’estero l’unione con la sua compagna. Inoltre i benefit e i servizi di caring aziendali - come asili nido, soggiorni estivi, soggiorni studio - sono estesi ai famigliari del dipendente a prescindere dal vincolo di sangue, e quindi anche alle famiglie omosessuali e ai loro figli;
  • TIM Factory: abbiamo inaugurato nel 2014 le TIM Factory, luoghi di incontro, confronto, studio e ricerca, spettacolo. Sono aperte al pubblico e a chiunque abbia un progetto e voglia condividerlo con altre persone. La prima TIM Factory, quella di Roma, è dedicata alla valorizzazione di ogni diversità, in particolare quella di genere.