San Marino leader del 5G in Europa: al via i primi servizi

23/05/2018 - 11:50

- + Text size
Stampa

Prossima attivazione, con la collaborazione di Nokia, dei primi nodi di rete 5G per trasformare San Marino in un laboratorio a cielo aperto per lo sviluppo di servizi innovativi

Presentati in anteprima con demo live i servizi IoT di Olivetti e il primo terminale mobile di test 5G mmWave in Italia con modem Qualcomm Snapdragon X50

TIM accelera sul 5G e sceglie lo Stato di San Marino per il lancio delle prime applicazioni abilitate dalla nuova tecnologia e del primo terminale mobile di test 5G mmWave, basato sul modem 5G Snapdragon X50 realizzato da Qualcomm Technologies, Inc., sussidiaria di Qualcomm Incorporated. Dando seguito al Memorandum of Understanding siglato da TIM con il Governo della Repubblica di San Marino lo scorso anno, la sperimentazione del 5G è entrata oggi nella fase operativa grazie alla definizione del piano di adeguamento della rete mobile, in collaborazione con Nokia, e con l’avvio dei primi servizi di nuova generazione.

Si tratta di un passo di fondamentale importanza nel processo di consolidamento della nuova tecnologia mobile che vede TIM con INWIT e Olivetti (società del Gruppo) sempre più impegnata a trasformare San Marino nel primo Stato 5G in Europa e uno dei primi al mondo, con la collaborazione di partner di rilevanza internazionale quali Nokia e Qualcomm.

Alla presentazione dei nuovi servizi e del primo terminale 5G, avvenuta oggi presso il palazzo congressi Kursall, hanno partecipato tra gli altri l’Amministratore Delegato di TIM San Marino Cesare Pisani, l’Amministratore Delegato di INWIT Giovanni Ferigo, il Responsabile Technology Innovation di TIM Enrico Maria Bagnasco, il Responsabile Innovation di TIM Attilio Somma, il Responsabile IoT Connectivity & Solutions di Olivetti Mario Polosa, l’Amministratore Delegato di Nokia Italia & VP Area Mediterranea Massimo Mazzocchini, il SVP & Presidente di Qualcomm Europa Inc. Enrico Salvatori.  

Per San Marino erano presenti il Segretario di Stato all’Industria con delega alle Telecomunicazioni Andrea Zafferani e il Segretario di Stato alla Cultura e all’Innovazione Marco Podeschi.

Durante l’incontro è stata data dimostrazione “live” dei primi servizi 5G che a breve saranno disponibili sul territorio sammarinese:

  • servizi di Smart City, con applicazioni di Smart parking, Gas e Water Metering, realizzate da Olivetti, per portare vantaggi economici e facilitazioni ai sammarinesi e alle aziende del territorio, oltre che soluzioni per monitorare la qualità dell’aria, utilizzando sensori IoT posti sui bus urbani, oppure sistemi di Smart Agriculture basati sui principi della sharing economy;
  • servizi per la Pubblica Sicurezza, che, tramite un sistema di telecamere sempre connesse con le stazioni delle Forze dell’Ordine, garantiranno la video sorveglianza durante eventi o manifestazioni pubbliche;
  • servizi per l’Industry 4.0, per assicurare all’industria locale un’integrazione tra produzione e logistica che sfrutti al meglio le capacità elaborative messe a disposizione dal cloud con evidenti risparmi economici e di tempo;
  • servizi per il turismo digitale, che, tramite soluzioni di Virtual Reality, consentono di esplorare in modalità immersiva e da remoto luoghi di valore artistico culturale del territorio.

Inoltre, in anteprima assoluta per la penisola italiana, i presenti hanno potuto provare il terminale mobile di test 5G, dotato di modem 5G Snapdragon X50 fornito da Qualcomm Technologies, la cui commercializzazione è prevista per il

2019. Un nuovo primato TIM, realizzato in collaborazione con Nokia e Qualcomm, che ha consentito di far conoscere in anteprima a livello europeo le potenzialità della rete 5G, utilizzando le frequenze a 3.5 GHz e 26 GHz.

Entro la fine dell’estate – ha dichiarato Cesare Pisani, AD di TIM San Marino – verranno adeguati i primi siti mobili alla nuova interfaccia radio 5G, contestualmente alla progressiva introduzione delle small cell, antenne di piccole dimensioni e a bassa potenza che, collegate in fibra ottica e dislocate in varie aree del Paese, assicureranno, con il minimo impatto ambientale, il raggiungimento di prestazioni elevatissime, inarrivabili con le attuali tecnologie”.

“Oggi raggiungiamo un nuovo importante traguardo – commenta Stefano Siragusa, Chief Wholesales, Infrastructures, Network and Systems Officer di TIM – che conferma la capacità di TIM di essere leader nei processi di innovazione del settore, ruolo che svolgiamo anche a livello mondiale contribuendo alla definizione dello standard 5G. Con l’abilitazione dei servizi di nuova generazione a San Marino diamo uno sguardo al futuro, con particolare attenzione allo sviluppo dei servizi innovativi legati alla pubblica sicurezza, ai trasporti, al turismo e all’Industria 4.0 che abilitano il modello delle Smart City”.

Con il progressivo adeguamento della rete 5G, a San Marino verrà infatti creato un “ecosistema” di partner locali, come la Pubblica Amministrazione della Repubblica di San Marino, l’Università e i Centri di Ricerca, l’Istituto di Sicurezza Sociale, l’Ufficio del Turismo, le Aziende di Servizi e Produzione, la Gendarmeria, con i quali TIM metterà a punto la sperimentazione di servizi 5G innovativi in ambito Smart City, Pubblica Sicurezza, Ambiente, Sanità, Turismo, Cultura, Trasporti e Media.

Le nuove applicazioni, sviluppate grazie al 5G - ha precisato Andrea Zafferani, Segretario di Stato all’Industria con delega alle Telecomunicazioni - porteranno benefici economici e sociali per l’intera collettività sammarinese e permetteranno alla Repubblica di San Marino di rappresentare un unicum tra gli Stati Europei, non solo in termini di innovazione tecnologica, ma anche di efficienza e di qualità di servizi offerti ai turisti e ai cittadini”.

La Repubblica di San Marino – ha dichiarato Marco Podeschi, Segretario di Stato alla Cultura e all’Innovazione – grazie al 5G diventerà un centro turistico all’avanguardia: con le nuove reti e i servizi legati alla Realtà Virtuale, infatti il nostro Paese potrà essere un polo di attrazione anche per il turismo digitale, permettendo a sempre più persone di apprezzare le nostre bellezze architettoniche e culturali, esplorandole in modalità immersiva anche da remoto”.



San Marino, 23 maggio 2018