TIM: partner tecnologico del progetto THE NEXT NEST, realizzato in occasione della XXI Triennale di Milano

31/03/2016 - 16:30

- + Text size
Stampa

L'iniziativa si avvale del contributo di interaction design di TIM per l'ideazione e la realizzazione della componente digitale e interattiva dell'opera che insieme ad eventi e workshop, consente al pubblico di partecipare in modo diretto alla realizzazione del progetto presso l’Expo Gate della città

TIM è partner tecnologico di THE NEXT NEST, un progetto artistico interdisciplinare dedicato al tema dell’abitare nell’era della digital life, che prenderà il via il 2 aprile presso la Sala Leonardo dell’Expo Gate di Milano e proseguirà fino al 12 settembre, in occasione della XXI Esposizione Internazionale della Triennale di Milano. THE NEXT NEST è un progetto a cura di Mario Cipriano, Francesca Di Noia, Luca Berardo (fondatori di NEST), in collaborazione con Daniele Galliano e Ettore Balbo.

L’esposizione ha l’obiettivo di stimolare, attraverso l’arte, il design e le soluzioni tecnologiche, una riflessione sulla socialità urbana che i cittadini - sempre più informati, mobili e connessi - sono chiamati a vivere nelle nuove smart city.

L’iniziativa è composta da un’installazione interattiva che si modificherà nel corso dell’esposizione attraverso gli interventi live degli artisti, le esperienze di workshop e le azioni degli spettatori che - grazie a tecniche avanzate di interazione e a soluzioni software ideate e realizzate da TIM - creeranno effetti visivi unici e personalizzati.

In particolare, il progetto artistico prevede un’installazione costituita da due box posti all'interno dello spazio allestito all’Expo Gate a cura di OfficineMultiplo. Nel primo si rifletteranno due tele realizzate dall’artista Daniele Galliano e che saranno dipinte alla presenza del pubblico nel corso di quattro performance live con musiche di Saturnino Celani e Livio Magnini. Nel secondo box sarà riprodotta una virtualizzazione dell'opera, semplificata secondo forme geometriche elementari, con le quali il visitatore potrà interagire ed entrare così a far parte dell'opera stessa, grazie ad un sistema innovativo ideato e sviluppato dall'Innovation Center di TIM. La metodologia di interaction design consente di modificare continuamente l’opera e prevede un continuo feedback tra la tela digitale e i gesti del pubblico. L’interazione del singolo farà infatti nascere un flusso di luci e di forme, aggiungendo nuovi punti luminosi alla tela.

Inoltre il pubblico potrà ricevere successivamente l’immagine dell’opera live “personalizzata” attraverso un codice che verrà fornito nel corso dell’interazione. La mostra sarà aperta al pubblico fino al 12 settembre dal martedì alla domenica (dalle 10 alle 20).

TIM, fortemente impegnata nel processo di accelerazione del Paese verso il digitale, affianca attraverso la ricerca e il proprio know how, progetti che propongono nuovi modelli culturali e artistici per sperimentare forme di comunicazione e creatività collettiva, realizzabili grazie all’adozione di soluzioni innovative.

Milano, 31 marzo 2016