A Montefiascone arriva la rete in fibra ottica di TIM

07/07/2016 - 12:30

- + Text size
Stampa

Completata a Montefiascone  la realizzazione di una rete a banda ultralarga che renderà disponibili servizi innovativi a cittadini e imprese con velocità di connessione fino a 100 Megabit al secondo I lavori sono già conclusi  in tutto il territorio comunale e la completa attivazione di tutti i servizi è prevista entro il prossimo mese di settembre I programmi a Montefiascone hanno raggiunto oltre il 95% della popolazione, grazie alla posa di circa 36 chilometri di cavi in fibra ottica

TIM accelera con l’Internet super-veloce nel Lazio e completa i lavori per la realizzazione della rete in fibra ottica a Montefiascone (VT) , con l’obiettivo di rendere disponibili servizi innovativi a cittadini e imprese.

Il programma di copertura del territorio del Comune di Montefiascone ha visto collegati 31 armadi stradali alle rispettive centrali, consentendo di servire più di 4800  unità immobiliari – pari ad oltre il 95% della popolazione - attraverso la posa di circa 36 chilometri di cavi in fibra ottica. L’iniziativa si inserisce nell’ambito del programma “BUL Lazio” per la banda ultralarga, in collaborazione con Infratel.

I lavori sono stati completati in tutto il territorio della cittadina  viterbese. Già entro il prossimo mese di settembre  famiglie e imprese di Montefiascone potranno cominciare a usufruire di connessioni con velocità fino a 100 Megabit al secondo che migliorano nettamente l’esperienza della navigazione in rete e abilitano nuovi servizi. Sono state collegate con la fibra ottica, oltre alla sede del Comune, le locali sedi della Pubblica Amministrazione, due dei principali Istituti scolastici e il Comando dei Carabinieri.

Per gli scavi, limitati all’indispensabile (soli 9,5 chilometri, in gran parte con tecnica innovativa) grazie alla collaborazione con l’Amministrazione comunale, sono state utilizzate tecniche e strumentazioni a basso impatto ambientale in grado di minimizzare i tempi di intervento, l’area occupata dal cantiere, l’effrazione del suolo, il materiale asportato, il deterioramento della pavimentazione e, conseguentemente, i ripristini stradali.

Con la fibra è possibile accedere a contenuti video di particolare pregio anche in HD, grazie all’offerta  TIM Sky, a quella di Mediaset Premium on line, disponibile anche con la UEFA Champions League tramite il decoder TIMVision e all’offerta Netflix . La connessione ad alta velocità consente inoltre di  praticare il gaming on line in alta qualità e di fruire di contenuti multimediali contemporaneamente su smartphone, tablet e smart TV. Le imprese possono inoltre accedere al mondo delle soluzioni professionali, come ad esempio quelle di Impresa Semplice, sfruttandone al meglio le potenzialità grazie alla connessione in fibra ottica. Quest’ultima abilita anche applicazioni innovative come la telepresenza, la videosorveglianza, i servizi di cloud computing per le aziende e quelli per la realizzazione del modello di città intelligente per le amministrazioni locali, tra cui la sicurezza e il monitoraggio del territorio, l’info mobilità e le reti sensoriali per il telerilevamento ambientale.

“Anche Montefiascone entra nella lista delle località scelte da TIM per la realizzazione della nuova rete in fibra ottica – ha dichiarato Giuseppe Selvaggi, Responsabile Access Operations Lazio di TIM - Questa moderna infrastruttura di rete consentirà ai cittadini e alle imprese di usufruire di servizi innovativi in grado di contribuire allo sviluppo dell’economia locale e alla sempre maggiore efficienza dei servizi urbani, ad esempio nel campo dell’infomobilità e in quello della sicurezza. Si tratta di un importante risultato reso possibile grazie agli importanti investimenti programmati da TIM. Le  attività di scavo e di posa sono state realizzate utilizzando le tecniche più innovative, minimizzando sia i tempi d’intervento sia i relativi costi e l’impatto sulla città”.

Maggiori informazioni sulla Rete di TIM all’indirizzo http://rete.telecomitalia.com

 

Viterbo, 7 luglio 2016

viaggio nella rete