Telecom Italia rilancia su Treviso e porta la fibra ottica fino alle abitazioni

13/07/2015 - 12:30

- + Text size
Stampa

Treviso è stata inserita da Telecom Italia nel nuovo piano nazionale di cablaggio in tecnologia FTTH (Fiber To The Home), comunicato al Ministero dello Sviluppo Economico, che prevede di coprire 100 città entro marzo 2018

La nuova rete consentirà connessioni super-veloci a partire da 100 Megabit al secondo e potenzialmente fino a 1 Giga per garantire una ancora più elevata qualità nella fruizione di contenuti video in HD. I primi quartieri saranno collegati entro l’anno

Grazie a questa iniziativa, la città sarà dotata di una rete in fibra ottica ancora più performante di quella che Telecom Italia già oggi mette disposizione di cittadini e imprese, proiettando così Treviso nell’élite delle città italiane dotate di infrastrutture telefoniche ultra-moderne

Telecom Italia rilancia con la banda ultralarga a Treviso e annuncia oggi, per prima in Italia, un innovativo piano che porta la fibra ottica fino alle abitazioni, consentendo connessioni super-veloci a partire da 100 Megabit al secondo e potenzialmente fino a 1 Giga (1.000 Megabit), con l’obiettivo di garantire una ancora più elevata qualità nella fruizione di contenuti video in HD e una migliore esperienza di navigazione. I primi quartieri della città saranno collegati già entro l’anno.

Treviso, infatti, fa parte del nuovo piano nazionale di cablaggio in tecnologia FTTH (Fiber To The Home), comunicato recentemente al Ministero dello Sviluppo Economico attraverso Infratel, che prevede entro marzo 2018 di raggiungere 100 città italiane. L’iniziativa consentirà, pertanto, di dotare la città di una rete in fibra ottica ancora più performante di quella che Telecom Italia già oggi mette disposizione di cittadini e imprese (i collegamenti in fibra fino ai cabinet stradali che raggiungono complessivamente 30mila unità immobiliari, pari ad oltre l’ 80% della popolazione), proiettando così Treviso nell’élite delle città italiane dotate di infrastrutture telefoniche ultra-moderne.

Con l’adozione del nuovo programma di sviluppo dell’infrastruttura della rete in fibra ottica nel Paese utilizzando l’architettura di rete  FTTH, con la quale la posa della fibra va oltre i cabinet stradali raggiungendo direttamente le abitazioni e gli uffici, Telecom Italia vuole dare ulteriore impulso ai processi di digitalizzazione del Paese e favorire il raggiungimento degli obiettivi indicati dall’Agenda Digitale. Questo intervento va quindi ad aggiungersi al piano di sviluppo nazionale che già vede Telecom Italia impegnata nella realizzazione della rete NGAN (Next Generation Access Network) in tecnologia FTTCab (Fiber to the Cabinet), con l’obiettivo di raggiungere il 75% della popolazione entro il 2017.

Per la posa dei cavi in fibra ottica verranno sfruttate le infrastrutture esistenti e in caso di scavi, saranno utilizzate tecniche e strumentazioni innovative a basso impatto ambientale che minimizzano i tempi di intervento, l’area occupata dal cantiere, l’effrazione del suolo, il materiale asportato, il deterioramento della pavimentazione e, conseguentemente, i ripristini stradali.

Con la realizzazione di infrastrutture ultrabroadband sempre più evolute, Telecom Italia conferma il suo impegno nell’innovazione sul territorio e nella diffusione dei servizi che esse abilitano, contribuendo in questo modo alla crescita sostenibile dell’economia locale e al miglioramento della qualità della vita dei cittadini.

Maggiori informazioni sulla Rete di Telecom Italia all’indirizzo http://telecomitalia.com/rete.

Treviso, 13 luglio 2015