Regione Valle D’Aosta, INVA e Telecom Italia: completata la posa della fibra ottica in Val D’Ayas, Valle del Lys e Valtournenche per il potenziamento della telefonia fissa e mobile

17/11/2015 - 14:15

  • Archivio Media /
  • Note stampa /
  • Mercato /
  • Regione Valle D’Aosta, INVA e Telecom Italia: completata la posa della fibra ottica in Val D’Ayas, Valle del Lys e Valtournenche per il potenziamento della telefonia fissa e mobile
- + Text size
Stampa

Gli interventi infrastrutturali rientrano nel piano per dotare la Valle d’Aosta di dorsali a banda ultralarga che entro giugno 2017 copriranno tutti i comuni della regione

L’investimento complessivo è di 26,1 milioni di Euro di fondi pubblici stanziati per il bando di gara indetto da INVA per la Regione Valle D’Aosta

Telecom Italia sta inoltre completando, con propri investimenti, la copertura a banda larga e ultralarga nei primi 19 comuni tramite il servizio ADSL fino a 20 Mbps, la rete mobile 3G e 4G, per un bacino di circa 10 mila abitazioni  

Con la copertura delle valli Ayas, Lys e Valtournenche è stata completata la prima parte del programma per la posa della fibra ottica in Valle D’Aosta. Il progetto ha l’obiettivo di  dotare la Regione di una infrastruttura di ultima generazione per potenziare le reti di telefonia fissa e mobile. Già oggi i primi 19 comuni sono predisposti per collegamenti ad alta velocità, consentendo così di offrire ai residenti e ai visitatori una soluzione integrata di servizi a banda larga e ultralarga in grado di soddisfare le esigenze di connettività.

Questo importante intervento infrastrutturale, che pone la Valle D’Aosta all’avanguardia tra le regioni italiane, è stato illustrato a Palazzo regionale da Augusto Rollandin, Presidente della Regione autonoma Valle D’Aosta e da Simone Battiferri, Direttore Business di Telecom Italia.

L’investimento complessivo è stato di 26,1 milioni di Euro. Un finanziamento che si è avvalso anche di fondi europei stanziati per il  Bando emesso dalla Regione Valle D’Aosta attraverso la società INVA incaricata di attuare il progetto. Il bando, vinto da Telecom Italia, ha previsto, oltre alla stesura di fibra ottica in tutta la regione, anche la creazione di una rete di 600 access point wi-fi.

Attraverso la sinergia tra Regione e Telecom Italia, entro il 2015 saranno coperte con reti in fibra ottica anche le valli Valsavarenche e Champorcher.

La creazione di queste infrastrutture di ultima generazione pone le basi per potenziare le reti di telefonia fissa e mobile e consentirà alla Valle D’Aosta di dotarsi di una copertura in banda ultralarga rendendo più semplice lo sviluppo di servizi di innovativi da parte di tutti gli operatori.

In aggiunta alla realizzazione delle dorsali in fibra ottica previste dal bando, Telecom Italia ha inoltre avviato – in autonomia e con propri investimenti – l’estensione della copertura del servizio ADSL con velocità fino a 20 Mbps  ad un bacino di oltre 10mila abitazioni presenti in 17 comuni, pari a circa il 16% della popolazione telefonica della Valle d’Aosta. Per quanto riguarda invece la rete mobile, gli interventi hanno riguardato 33 impianti con l’obiettivo di realizzare la nuova rete 3G e 4G di TIM e di potenziare il servizio UMTS/HSPA. Gli interventi sono relativi sia a nuovi impianti, per l’estensione della copertura, sia al potenziamento di impianti esistenti, per il miglioramento delle prestazioni e della qualità del servizio offerto. L’attivazione dei servizi è prevista, per quanto riguarda la rete mobile, entro la fine di quest’anno in tutte e tre le valli, mentre per quanto riguarda la rete fissa entro l’anno per la Valle d’Ayas ed entro aprile 2016 per la Valle del Lys e Valtournenche.

«Entro il 2017 – ha detto il Presidente Rollandin - tutte le vallate saranno infrastrutturate con fibra ottica, che sarà il presupposto per rendere disponibili servizi in banda larga e ultralarga, come ci chiede l’Unione europea, ai cittadini da parte degli operatori di telecomunicazioni. Possiamo pertanto affermare, che il nostro progetto rappresenta il primo stralcio di attuazione della Strategia nazionale sulla banda ultralarga. L’ente pubblico – ha aggiunto il Presidente Rollandin - , in queste situazioni, deve intervenire con investimenti propri, promuovendo una dinamica di crescita che, come nel nostro caso, persegue il bene diffuso e sostiene i territori geograficamente disagiati, che sarebbero altrimenti dimenticati da logiche prettamente economiche. L’operatore privato, da parte sua, grazie all’intervento pubblico, si trova a sostenere minori investimenti per integrare le proprie tecnologie, rendendo quindi possibile l’offerta di servizi efficienti e di qualità all’utenza».

“Si tratta di un risultato molto importante – ha dichiarato Simone Battiferri, Direttore Business di Telecom Italia - a conferma della volontà dell’azienda di assumere attivamente il ruolo di abilitatore digitale del Paese investendo direttamente su territori come la Valle D’Aosta dove, grazie ad una proficua collaborazione con le amministrazioni locali, possiamo mettere a disposizione delle famiglie, delle realtà imprenditoriali e della pubblica amministrazione le più moderne infrastrutture e i più avanzati servizi a banda larga e ultralarga”

Questo l’elenco dei comuni che beneficeranno degli interventi infrastrutturali:

Valle Lys

Fontainemore

Gaby

Gressoney La Trinitè

Gressoney St. Jean

Issime

Lillianes

Perloz

Pont St. Martin

 

Valle d’Ayas

Ayas

Brusson

Challand St. Anselme

Challand St. Victor

Verres

 

Valtournenche

Antey St. Andrè

Chatillon

Chamois

La Magdeleine

Torgnon

Valtournenche

 

                                                              *****


TIM è il brand unico del Gruppo Telecom Italia che opera nel mercato offrendo servizi di telefonia fissa e mobile, internet, contenuti digitali e servizi cloud. TIM, abilitatore alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione più innovative, accompagna l’Italia verso il traguardo della piena digitalizzazione, grazie alla realizzazione delle infrastrutture di rete ultrabroadband e alla diffusione dei servizi di ultima generazione.

 

Aosta, 17 novembre  2015