Telecom Italia: fa tappa a Genova il Role Model, incontro su Generazioni a confronto

25/02/2015 - 16:00

- + Text size
Stampa

Il progetto, lanciato nell’ambito della Telecom Italia Factory, ha l’obiettivo di facilitare l’integrazione e la valorizzazione delle competenze dei senior che operano in Azienda e superare gli stereotipi legati all’età

L’appuntamento si inserisce nel programma degli incontri di Role Model: donne e uomini appartenenti al mondo dell’imprenditoria, della cultura e dello sport raccontano la propria esperienza di successo

Offrire ai professionisti, donne e uomini, un confronto con modelli di successo. Questo il tema di Role Model che si è svolto oggi a Genova, il terzo di una serie di incontri lanciati da Telecom Italia su scala nazionale nell’ambito del progetto “Generazioni a confronto”.

L’iniziativa ha l’obiettivo di valorizzare le competenze dei dipendenti senior nel mondo del lavoro per offrire ai dipendenti e manager dell’Azienda uno scambio di esperienze con altre personalità e generazioni diverse, promuovendo una maggiore sensibilizzazione sul ruolo che la seniority rappresenta nel mondo del lavoro.

Genova ha visto protagonisti Eraldo Pizzo, considerato il più importante pallanuotista italiano di tutti i tempi e Giorgio Casaccia Gibelli, promessa del canottaggio ligure, che hanno testimoniato la loro esperienza di uomini di sport davanti ad una folta platea. All’evento, dove è intervenuto in qualità di intervistatore Fabio Galluccio, responsabile People Caring di Telecom Italia, hanno partecipato anche diversi membri dell’Associazione Italiana Direzione del Personale della Liguria.

Gli appuntamenti di Role Model interesseranno complessivamente 15 città italiane. Tra le personalità che vi hanno preso parte imprenditori e professionisti di successo appartenenti a diversi ambiti produttivi, che hanno trasmesso ai dipendenti di Telecom Italia la loro esperienza, per dimostrare che le diverse generazioni - se messe correttamente a confronto - possono arricchire l’Azienda grazie alla passione e all’impegno, alla differenza di vedute ed esperienza pur senza limitare l’innovazione e lo sviluppo.

Genova, 25 febbraio 2015