Telecom Italia: con TIM al Mugello vivi un Gran Premio di emozioni

30/05/2014 - 12:45

- + Text size
Stampa

Telecom Italia è dal 2005 title sponsor del Gran Premio d’Italia e anche quest’anno dà appuntamento al Mugello per un fine settimana ricco di emozioni, dentro e fuori la pista, con  tante iniziative in programma per tutti gli appassionati delle due ruote e della Ducati.

Telecom Italia è dal 2005 title sponsor del Gran Premio d’Italia e anche quest’anno dà appuntamento al Mugello per un fine settimana ricco di emozioni, dentro e fuori la pista, con  tante iniziative in programma per tutti gli appassionati delle due ruote e della Ducati.

Da oggi e fino a domenica 1 giugno, infatti, TIM sarà presente al Mugello con un'area dedicata dove vivere occasioni continue di intrattenimento, curiosità e interesse. Nella “4G LTE Grid” sarà possibile farsi fotografare sulla Desmosedici GP14 di Andrea Dovizioso. Presso lo stand, chiunque aderirà ad un’offerta TIM potrà partecipare al concorso “Vinci al Mugello con TIM” che mette in palio esclusivi paddock tour, merchandising Ducati e tante altre sorprese.

In un’area riservata, inoltre, alcuni clienti TIM potranno sperimentare le straordinarie funzionalità dei Google Glass, tutte le ultime novità sulla realtà aumentata e conoscere le tecnologie al servizio della comunicazione utilizzate da TIM anche nell’ambito delle attività di sponsorship. Un video interattivo, navigabile a 360° tramite tecnologia Oculus Rift, trasmetterà l’emozione di un vero e proprio giro di pista del Mugello attraverso gli occhi di un collaudatore Ducati.

Tutta la comunicazione, dal bordopista fino al trofeo che verrà sollevato dai vincitori delle tre classi - Moto 3, Moto 2 e MotoGP - sarà dedicata alla rete 4G LTE, all’insegna del binomio tecnologia-velocità che accomuna TIM al mondo del motociclismo.

Infine, coloro che non potranno prendere parte all’evento live, avranno la possibilità di partecipare e seguire tutte le attività e la gara attraverso gli account social ufficiali di TIM su Facebook e Twitter.

Roma, 30 maggio 2014