Comune di Como e Telecom Italia: completato il piano di copertura delle nuove reti ultrabroadband fissa e mobile

20/02/2014 - 12:50

- + Text size
Stampa

Grazie alla collaborazione tra il Comune di Como e Telecom Italia si è conclusa l’attività di posa dei cavi in fibra ottica per realizzare la rete di telecomunicazione di nuova generazione (NGAN) sul territorio comunale e offrire i servizi a banda ultra larga a circa 30 mila unità abitative

Sul fronte della telefonia mobile, raggiunto quasi il 100% della popolazione con la rete mobile 4G di TIM  

Como è tra le prime città d’Italia a poter vantare infrastrutture telefoniche di nuova generazione che sono già pienamente operative al servizio di cittadini e imprese. Telecom Italia e il Comune di Como, infatti, hanno annunciato oggi il completamento del piano di copertura delle reti ultraveloci fissa e mobile nella città. L’importante intervento infrastrutturale è stato illustrato da Lorenzo Spallino, assessore all’Informatizzazione, Portale web e Digitalizzazione procedure del Comune di Como, e da Gianni Moretto, Responsabile Open Access Nord-Ovest di Telecom Italia.

A circa un anno dall’avvio del progetto che ha visto Telecom Italia impegnata nella realizzazione della rete di telecomunicazione NGAN (Next Generation Access Network), oggi la totalità degli armadi stradali di Como risulta già raggiunta dalla fibra ottica, nel pieno rispetto dei tempi previsti. Questo importante risultato è stato ottenuto grazie agli investimenti di Telecom Italia e agli obiettivi condivisi con il Comune di Como, fattori che hanno consentito di realizzare rapidamente le attività di scavo e di posa minimizzando sia i tempi d’intervento sia i relativi costi e l’impatto sulla città. A Como il programma di copertura della città ha già interessato circa 30 mila unità abitative, grazie alla posa di circa 90 chilometri di cavo in fibra ottica che hanno permesso di collegare i 162 armadi stradali presenti lungo le vie cittadine alle rispettive centrali. Per fare questo, al fine di ridurre sensibilmente i disagi ai cittadini, Telecom Italia ha utilizzato le infrastrutture civili già disponibili, riducendo in questo modo la necessità di nuovi scavi a soli 14 chilometri. Il risultato raggiunto conferma l’impegno di Telecom Italia e dell’Amministrazione comunale nell’aver dato un forte impulso ai lavori per portare, nel più breve tempo possibile, la connessione Internet a partire da  30 Megabit a famiglie e imprese, inserendo in questo modo Como  nell’élite delle città italiane dove sono disponibili i servizi ultrabroadband. 

Per quanto riguarda la rete mobile, Telecom Italia ha provveduto a dotare la città della nuova tecnologia  LTE (Long Term Evolution), raggiungendo una copertura outdoor di quasi il 100% della popolazione grazie all’attivazione di 12 stazioni radio base di TIM in tecnologia 4G. A breve verranno messe in funzione altre stazioni LTE che contribuiranno a portare anche la copertura indoor a livelli di eccellenza.

La rete mobile 4G di TIM offre una velocità di download 5-10 volte superiore a quella della rete HSPA a 14.4 Mbps e più del doppio rispetto a quella offerta dalla tecnologia HSPA a 42 Mbps,

Le reti di nuova generazione in fibra ottica e in LTE consentono di raggiungere prestazioni e livelli di servizio che migliorano nettamente l’esperienza della navigazione Internet consentendo la fruizione di contenuti innovativi in mobilità e da casa, come il video streaming in HD, il gaming on line multiplayer in alta qualità. Inoltre professionisti e piccole e medie imprese potranno accedere al mondo dei servizi IT di Impresa Semplice per raggiungere nuovi livelli d’innovazione ed efficienza, secondo il modello di cloud computing offerto da Telecom Italia, sfruttando al meglio le potenzialità offerte dalla connessione in fibra ottica.

“Telecom Italia, nell’ambito del piano d’investimenti, ha deciso di dedicare una quota significativa al programma di sviluppo della propria rete di nuova generazione in fibra ottica e LTE” dichiara Gianni Moretto, Responsabile Open Access Nord Ovest di Telecom Italia . “Si tratta di un progetto ambizioso che prevede di raggiungere entro il 2016  con la rete NGAN oltre il 50% della popolazione, consentendo di ‘navigare’ con velocità fino a 30 Megabit al secondo e con  la rete LTE mobile l’80% della popolazione, dando un notevole contributo al conseguimento degli obiettivi previsti dall’Agenda Digitale europea. Siamo pertanto lieti che Como sia tra le prime città ad avere questa importante infrastruttura che consente ai cittadini e alle imprese di usufruire di servizi di nuova generazione in grado di contribuire allo sviluppo dell’economia locale”.

“Il futuro delle città passa per l'incremento delle infrastrutture di rete” commenta Lorenzo Spallino assessore all’Informatizzazione, Portale web e Digitalizzazione procedure. “ La scelta di Telecom Italia di investire su Como fa onore all'azienda ed è segnale concreto di una nuova attrattività della città. La qualità della vita è il tema su cui siamo tutti chiamati a “fare”: aziende e amministrazioni pubbliche hanno solo da guadagnarci”. 

 

Como, 20 febbraio 2014