La "Junior TIM Cup - Il Calcio negli Oratori" Edizione 2013 ha inaugurato un nuovo campo a Scampia

23/09/2013 - 17:30

- + Text size
Stampa

All’Oratorio Don Guanella è stata assegnata una parte del fondo costituito sia dalle ammende comminate ai tesserati e alle società di Serie A TIM dal Giudice Sportivo durante il corso della stagione 2012/2013 che da un contributo di TIM nel ruolo di “title sponsor”

A distanza di oltre tre mesi, la “Junior TIM Cup – Il calcio negli Oratori è tornata a giocare la partita più impegnativa, quella della responsabilità sociale. Oggi infatti il progetto promosso da CSI, TIM e Lega Serie A, ha inaugurato il nuovo campo di gioco dell’Oratorio Don Guanella di Scampia (Na) alla presenza di una cinquantina di ragazzi emozionati e entusiasti. E proprio i piccoli calciatori sono stati protagonisti del taglio del nastro e hanno dato i primi calci al pallone insieme agli ospiti presenti che si sono fatti contagiare dalla loro felicità.

Marco Brunelli, Direttore Generale della Lega Serie A: "Siamo onorati come Lega Serie A di aver contribuito, insieme agli amici del CSI e al nostro storico partner Telecom Italia, alla realizzazione di questo campo di calcetto a Scampia – ha detto Marco Brunelli, Direttore Generale della Lega Serie A - Viviamo nel mondo del professionismo, ma siamo stati tutti bambini, e non c’è soddisfazione più grande di aver regalato a questi ragazzi un luogo di aggregazione dove sognare e divertirsi giocando a calcio. A maggio abbiamo vissuto la festa della giornata conclusiva della prima edizione della Junior TIM Cup, un torneo che ha coinvolto 8 mila bambini e più di 500 oratori. Oggi siamo pronti a ripartire con entusiasmo in questo progetto, abbiamo messo la prima pietra tangibile del nostro percorso e vogliamo vivere molte giornate come questa".

Cristiano Habetswallner, Responsabile Sponsorship Telecom Italia: “Per noi di TIM è bello poter salutare oggi la nascita di questo campo intitolato all’amicizia, uno dei valori alla base dello sport sano, di un calcio pulito, che è lo spirito con cui l’anno scorso è partita la nostra campagna “Il calcio è di chi lo ama. I bambini di Scampia hanno ora un posto nuovo dove allenarsi, al calcio e alla vita. Questo nuovo impianto sportivo è anche un esempio di come gli errori di qualcuno (mi riferisco alle ammende comminate ai giocatori e alle Società di calcio di Serie A) possano servire a costruire qualcosa di positivo per altri. Si conclude qui la prima edizione della Junior TIM Cup, che ha dato a tutti noi, non solo ai ragazzi che hanno partecipato, tante gioie, soddisfazioni ed emozioni da ricordare”.

Massimo Achini, presidente del Centro Sportivo Italiano: "La realizzazione di questo campo e il più grande investimento che il mondo del calcio potesse attuare, perché grazie all'impegno della Lega Serie A, che ha devoluto una quota parte delle multe incassate dalle società del massimo campionato, si è prodotta una quantità infinita di felicità. Un'azione che renderà un altissimo tasso di redditività. Regalare infatti un campetto all'oratorio partenopeo, specialmente in una zona difficile come Scampia,  rappresenta un dono inestimabile. Avere un campo sportivo ed un gruppo sportivo in parrocchia equivale ad andare una marcia in più. Quello di oggi infine non è poi un episodio isolato, ma l'ultimo passo del percorso fatto nella prima edizione della Junior TIM Cup. Non resta che augurarsi che questa straordinaria manifestazione torni anche quest'anno".

Don Marco Mori, presidente del Forum Oratori Italiani: “E’ venuto spontaneo regalare questo campo all’oratorio di Scampia. Penso che il calcio e lo sport più in generale possa dare un’opportunità a tutti. Queste zone periferiche troppo spesso vengono trattate come palcoscenici meno importanti, invece l’idea è quello di dare normalità di vita, un segno di giustizia e di eguaglianza, e lo si è fatto tramite lo sport. Mi auguro che dietro l’erba sintetica di questo campo ci siano sempre ragazzi e persone vere”.

Roberto Colombo, portiere SSC Napoli: "Ogni volta che nasce un nuovo campo da calcio nasce un principio di aggregazione che porta frutti, soprattutto in un contesto come questo che ha bisogno di scintille di risveglio”.

L’impianto è stato realizzato dalla Limonta Sport, con l’intervento di riqualificazione sull’area di un vecchio campo di calcetto polivalente, per conto  della Junior TIM Cup edizione 2013 che ha elargito un fondo istituito per promuovere il calcio negli oratori italiani. Nel fondo sono confluite parte delle ammende comminate ai tesserati e alle società di Serie A TIM dal Giudice Sportivo durante il corso della stagione 2012/2013 e un contributo di TIM nel ruolo di “title sponsor”. La riqualificazione ha riguardato l’ampliamento delle misure (35mt x 19mt), la copertura con un manto in erba sintetica di ultima generazione e l’adeguamento di alcune opere (recinzione, panchine, impianto di illuminazione).

Dunque non solo calcio giocato – da febbraio a maggio oltre 500 squadre degli oratori e 8 mila ragazzi di tutta Italia hanno partecipato ad un torneo di calcio a 7 under 14 - ma anche azioni concrete a favore della pratica dello sport negli oratori e di quelle realtà che si sono distinte per la valenza educativa dei loro progetti attraverso un patrimonio di valori, storie e buone pratiche che costituiscono il riferimento del progetto di TIM “Il calcio è di chi lo ama” di cui la “Junior TIM Cup – Il calcio negli Oratoriè parte integrante.

Per questo all’Oratorio Don Guanella di Scampia (Na) è stato assegnato un contributo destinato alla realizzazione di un nuovo campo sportivo che possa essere un ulteriore strumento per proseguire la propria missione socio-educativa all’interno del quartiere di Scampia. L’Oratorio Don Guanella ha saputo crescere come società sportiva e diventare un punto di riferimento quotidiano e concreto per i ragazzi che vogliono vivere lontani dall’illegalità e dal degrado.

Da oggi a Scampia si giocherà meglio e di più grazie al Campo dell’Amicizia, così come è stato titolato il nuovo impianto all’Oratorio Don Guanella, che permetterà a tutti i ragazzi del quartiere di condividere momenti spensierati e di gioia perché #IlCalcioèDiChiLoAma.

Napoli, 23 settembre 2013