Telecom Italia e Fastweb investono per estendere la rete in fibra ottica a Roma

22/05/2013 - 17:40

- + Text size
Stampa

Grazie agli accordi con il Comune di Roma  e Acea sono stati avviati i lavori per raggiungere oltre 1 milione di  famiglie e imprese con Internet sino a 100 Megabit al secondo. Ammonta a oltre 300 milioni di euro il nuovo investimento di Telecom Italia e Fastweb per l’estensione della rete di nuova generazione nella Capitale

Telecom Italia e Fastweb estendono le rispettive reti in fibra ottica a Roma. Grazie a un accordo tra le due aziende e il Comune di Roma sono stati avviati i lavori per portare la connessione a Internet sino a 100 Megabit per secondo a oltre 1 milione di famiglie e imprese, tramite la stesura di fibra ottica dalle centrali agli armadi di strada in prossimità delle case. I lavori sono già stati avviati e verranno completati entro il 2014. Per la posa della fibra verranno utilizzate tecniche innovative per minimizzare gli impatti ambientali e, grazie a una convenzione siglata con Acea, verranno coordinati anche i lavori per l’alimentazione elettrica degli armadi di strada, laddove necessario.

A Roma, Telecom Italia e Fastweb hanno posato i primi nuclei di fibra ottica alla fine degli anni 90. Da allora le due società hanno operato in città per offrire servizi a banda ultralarga alla Pubblica amministrazione e alle grandi aziende del territorio, e per raggiungere abitazioni e piccole imprese.

Con il  nuovo progetto presentato oggi, Telecom Italia e Fastweb estendono la rete di nuova generazione in tutta l’area comunale, raggiungendo tutti i Municipi. Le aziende stanno posando oltre 4.000 chilometri di fibra ottica che serviranno a collegare oltre 6.000 armadi stradali dotati di elettronica di nuova generazione. La fibra verrà posata per la maggior parte nei cavidotti già esistenti e saranno aggiunti solo 300 chilometri di nuovi scavi. L’investimento programmato dalle due aziende per realizzare la nuova rete è complessivamente di oltre 300 milioni di euro.

I lavori in corso utilizzano  tecniche di scavo non invasive, come il no-dig e le minitrincee, e una parte degli armadi stradali verranno interrati per minimizzare gli impatti ambientali.  Grazie all’innovativo protocollo d’intesa siglato con Acea, sono state ulteriormente ottimizzate le opere civili di raccordo per l’alimentazione elettrica degli armadi stradali, con vantaggi in termini di coordinamento dei lavori di scavo e limitazione dei disservizi per i cittadini.

La nuova infrastruttura di rete abiliterà nuovi servizi della Pubblica amministrazione per i cittadini e le imprese, consentendo al Comune lo sviluppo di servizi caratteristici delle smart cities. Inoltre, con la rete in fibra ottica sempre più cittadini  potranno fruire di un collegamento Internet di più elevata qualità che consente di utilizzare più apparecchi contemporaneamente in casa senza rallentamenti della connessione (computer, tablet, smartphone, Tv collegate a Internet, console dei videogiochi), ma anche consultare il web in modo più rapido, guardare video di alta qualità, scaricare applicazioni in tempo reale, fare back up dei dati in rete, caricare in rete fotografie o filmati, dialogare con la pubblica amministrazione, accedere, in un futuro prossimo, a servizi online come la telemedicina.

La rete a banda ultralarga, grazie alla maggiore affidabilità, consente anche l’adozione di servizi innovativi per le piccole e medie imprese. Oltre a rendere più performanti gli attuali servizi di connettività, la fibra ottica abilita nuove generazioni di applicazioni come i servizi di cloud computing, il software as a service, il back up dei dati, i servizi di sicurezza gestita, i servizi di videosorveglianza, il telelavoro, portando benefici in termini di competitività alle imprese.

Roma, 22 maggio 2013