Telecom Italia: presentato il restauro dell'apparato pittorico e degli stucchi della Sala del Capitolo nel complesso di San Salvador a Venezia

20/05/2013 - 13:30

  • Archivio Media /
  • Note stampa /
  • Mercato /
  • Telecom Italia: presentato il restauro dell'apparato pittorico e degli stucchi della Sala del Capitolo nel complesso di San Salvador a Venezia
- + Text size
Stampa

Nella suggestiva atmosfera del Complesso di San Salvador a Venezia è stato presentato oggi il restauro dell’apparato pittorico e degli stucchi della Sala del Capitolo.

All’evento sono intervenuti il Prof. Pier Francesco Ghetti, Assessore alla Pianificazione Strategica del Comune di Venezia, Annalisa Bristot, Soprintendenza Beni Ambientali e Architettonici di Venezia, e Oscar Cicchetti, Direttore Strategy di Telecom Italia.

L’importante apparato pittorico cinquecentesco, rinchiuso in un’orditura di stucchi articolati a “cassette ritmiche” aggettanti, è opera di Fermo Ghisoni, fedele discepolo di Giulio Romano.

L’intervento, curato da Telecom Italia in collaborazione con la Soprintendenza di Venezia, è stato eseguito dal maestro restauratore Andrea Libralesso, a partire da novembre 2011 fino a ottobre 2012, con la direzione dell’architetto Fabiano Pasqualetto.

I lavori sono stati preceduti da una lunga e attenta fase preliminare di analisi per individuare le migliori soluzioni operative per il recupero e la conservazione dell’opera, che versava in condizioni di degrado, malgrado il precedente intervento cui era stata oggetto alla fine degli anni ’80, in un più ampio programma di restauro dell’intero complesso.

L’edificio, risalente alla metà del 1500, rappresenta oggi una delle sedi più prestigiose di Telecom Italia e già dai primi anni del 1900 è sempre stato legato alle attività del mondo delle telecomunicazioni: prima con l’Azienda Telefonica di Stato, poi con la TELVE negli anni ’60 e ancora successivamente con SIP.

Il Complesso di San Salvador ospita oggi la più importante centrale telefonica di Venezia. E’ sede anche del Future Centre, il centro studi e laboratori della struttura che in Telecom Italia sviluppa la ricerca sul mondo delle telecomunicazioni.

“Un lavoro importante che restituisce al patrimonio artistico della Città un’opera di pregio che versava in condizioni di degrado - ha dichiarato il Prof. Pier Francesco Ghetti, Assessore alla Pianificazione Strategica del Comune di Venezia. Un ringraziamento deve dunque andare a Telecom Italia per aver contribuito alla conservazione e al restauro di questo manufatto, esempio virtuoso di come l’unione tra cultura e impresa possa produrre straordinari risultati. San Salvador è un edificio dalla straordinaria valenza simbolica per la Venezia dell'oggi: un cuore moderno e innovativo proteso al futuro, in un contenitore ricco di storia e di bellezza”.

“E’ motivo di grande soddisfazione partecipare alla presentazione del restauro del soffitto del Refettorio di San Salvador, frutto di un intervento molto impegnativo, affrontato con costante sinergia tra una committenza lungimirante, operatori dimostratisi di grande capacità professionale e tecnici preposti alla sorveglianza dei lavori - ha affermato  Annalisa Bristot, Responsabile della supervisione del restauro per la Soprintendenza Beni Ambientali e Architettonici di Venezia.  Si restituisce oggi alla fruizione del pubblico un testo pittorico finalmente risanato e pienamente leggibile nella sua valenza rivoluzionaria, capace di veicolare le novità del linguaggio manierista nel panorama di quel Rinascimento lagunare, così pervicacemente legato alla propria splendida tradizione”.

“Siamo particolarmente orgogliosi di aver realizzato questo intervento di restauro al Complesso di San Salvador – ha dichiarato Oscar Cicchetti, Direttore Strategy di Telecom Italia. In questo meraviglioso sito sono stati sviluppati studi, ricerche e progetti sul futuro delle telecomunicazioni con eventi e manifestazioni a carattere internazionale. Oggi il centro si focalizza soprattutto sull'uso delle tecnologie ICT per la valorizzazione delle risorse culturali e questa iniziativa testimonia la nostra attenzione verso le risorse artistiche e culturali italiane, che rappresentano un elemento fondamentale per il rilancio della nostra economia”.

Venezia, 20 maggio 2013