Telecom Italia: arriva a Firenze “ Navigare Sicuri”, il percorso di sensibilizzazione per un uso corretto del web rivolto a minori e genitori

15/04/2013 - 13:00

  • Archivio Media /
  • Note stampa /
  • Mercato /
  • Telecom Italia: arriva a Firenze “ Navigare Sicuri”, il percorso di sensibilizzazione per un uso corretto del web rivolto a minori e genitori
- + Text size
Stampa

Fa tappa nel capoluogo toscano, mercoledì 17 aprile, il tour nelle scuole insieme a Umberto Rapetto per raccontare i segreti della sicurezza online, che in questa nuova edizione tocca 10 città italiane.

Dopo il successo riscontrato nelle ultime due edizioni, approda a Firenze, mercoledì 17 aprile, il nuovo tour di Navigare Sicuri di Telecom Italia articolato in 10 tappe in altrettante città italiane per sensibilizzare ragazzi ed educatori all’uso consapevole del web.

L’incontro è in programma alle ore 11 presso la Scuola Media Beato Angelico (via Leoncavallo 12) con la partecipazione del professor Federico Tonioni, psichiatra e responsabile dell’ambulatorio dedicato all’Internet Addiction del Policlinico Gemelli di Roma e della mamma blogger Anna Lo Piano (www.piattinicinesi.com) e affronterà, insieme a studenti, insegnanti e genitori, il tema della dipendenza da internet.

Per Telecom Italia saranno presenti Umberto Rapetto, ex Colonnello della Guardia di Finanza, esperto di sicurezza informatica e Giovanna Giusti del Giardino, coordinatrice del progetto Navigare Sicuri.

Dopo la tappe di Bari, Trieste, Torino, Milano, Napoli, Palermo, Bologna e Firenze il tour di Navigare Sicuri toccherà nell’ordine Cagliari e Roma. Eventi in diretta streaming su www.navigaresicuri.org  e www.rai.it

Ogni tappa, della durata di 5 giorni, coinvolge le scuole cittadine in laboratori interattivi con personale specializzato e in un incontro plenario dove i ragazzi possono affrontare i temi identificati come più urgenti in collaborazione con Save the Children: cyberbullismo, furto d’identità, adescamento e i nuovissimi contenuti relativi a sexting, legalità ed internet addiction. Tre nuovi minifilm dal finale aperto, appositamente realizzati dalla Scuola Holden di Torino, affrontano nello specifico la difficile problematica della microprostituzione tra minori attraverso i new media, le regole per navigare online senza violare le leggi e il rapporto tra vita reale e vita virtuale.

Gli incontri pubblici coinvolgono la popolazione studentesca e la cittadinanza in una riflessione allargata sui temi del web, portano esempi concreti di situazioni di disagio e illustrano le linee guida per poter mettere giovani e adulti nelle condizioni di affrontare i media digitali in sicurezza.

Grande protagonista è Umberto Rapetto (ex Colonnello della Guardia di Finanza, già comandante del Gruppo Anticrimine Tecnologico ed esperto di sicurezza informatica) che nelle scuole di tutta Italia e in diretta streaming su navigaresicuri.org e rainet.it coinvolgerà le platee in un percorso di sensibilizzazione e informazione con la collaborazione di Fattore Mamma e di esperti delle varie materie trattare. Sono infatti coinvolti in ciascuna regione genitori blogger legati al territorio, che promuoveranno un confronto diretto tra genitori e figli, e professori, sessuologi, sociologi che offriranno l’esperienza dei più recenti studi legati al rapporto media digitali e minori.

Navigare Sicuri è il progetto nazionale di Telecom Italia dedicato alla promozione e alla diffusione dell’uso consapevole e responsabile di Internet e dei media digitali tra i bambini, i ragazzi e i loro educatori. L’iniziativa, che si sviluppa in stretta collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e si avvale dell’apporto delle consolidate competenze della Fondazione Movimento Bambino e di Save the Children, ha già coinvolto nei due ultimi anni sul territorio l’attenzione più di 200.000 ragazzi e genitori e si propone di contribuire a valorizzare le straordinarie potenzialità delle nuove tecnologie come risorsa di conoscenza e momento di socializzazione, di informazione, di crescita, evitandone il più possibile le insidie.

Firenze, 15 aprile 2013