Changemakers for Expo 2015 sceglie due progetti tecnologici siciliani destinati ad avere un elevato impatto sociale

14/03/2013 - 11:00

- + Text size
Stampa

Il programma di accelerazione d’impresa promosso da Telecom Italia e Expo Milano 2015 premia l’ingegno di due team provenienti da Catania e Enna le cui idee innovative potranno cambiare la vita a milioni di persone

Ci sono anche due team siciliani tra i protagonisti di Changemakers, il programma di accelerazione d’impresa promosso da Telecom Italia e Expo Milano 2015 con l’ambizioso obiettivo di cambiare la vita di 10 milioni di persone. I loro progetti innovativi - Orange Fiber ideato da quattro giovani catanesi, e PanPan frutto del talento di due ennesi e un catanese - fanno parte infatti delle 10 migliori idee selezionate a livello nazionale per essere sviluppate e trasformate in potenziali startup sostenibili e innovative.

Orange Fiber è un progetto di moda “sociale” che, attraverso l’utilizzo delle nanotecnologie, punta a trasformare gli scarti di agrumi in materie prime tessili e abiti in grado di rilasciare vitamine a contatto con la pelle, realizzati da donne in difficoltà e persone svantaggiate. Ideato da Adriana Santanocito, designer 35enne, e da Enrica Arena, 27enne professionista della comunicazione, il progetto si avvale anche delle professionalità di Stefania Cauzo, 27enne laureata in economia  aziendale, e di Manfredi Grimaldi, 32 anni, esperto di economia agroalimentare.
PanPan è un'applicazione per smartphone che permette di inviare domande “geolocalizzate”, ovvero legate a tematiche inerenti a specifiche aree, e individuare gli utenti presenti in zona in quel momento che verosimilmente sono in grado di fornire le risposte: una piattaforma di “social information” che può essere utilizzata anche come piattaforma B2B per sondaggi e ricerche di mercato. Antonino Famulari, 28 anni, Michele Spina e Walter Bellante, entrambi di 23 anni, compongono il team del progetto e condividono le esperienze di studio sui social media presso il Telecom ParisTech a Parigi.

Entrambi i team, insieme agli altri 8 selezionati, hanno iniziato in questi giorni il loro percorso di sviluppo dei rispettivi progetti all’interno di un campus tecnologico a Milano dove per due mesi vivranno e lavoreranno a stretto contatto e potranno avvalersi dell’esperienza di docenti e mentor selezionati tra esperti, professionisti, manager e creativi di riconosciuta competenza. Alla fine del percorso i progetti verranno presentati a una platea di potenziali investitori e partner aziendali in grado di garantirne la realizzazione.

Catania, 14 marzo 2013