Telecom Italia e Nokia: da oggi è ancora più semplice acquistare le applicazioni da Ovi Store

28/12/2010 - 12:30

- + Text size
Stampa

I clienti TIM possono acquistare giochi e contenuti fino ad un massimo di 15 euro scalando il costo dal credito telefonico o con addebito in bolletta

Da oggi tutti i clienti TIM possono acquistare le applicazioni dall’Ovi Store di Nokia addebitandone il costo direttamente in bolletta, per i piani in abbonamento, o scalandolo dal credito residuo per quelli ricaricabili. La spesa massima potrà raggiungere i 15 Euro per singolo acquisto, a fronte del precedentemente limite fissato a 2 euro.

Telecom Italia e Nokia proseguono quindi nella collaborazione, avviata lo scorso luglio, volta a offrire ai clienti TIM la possibilità di acquistare in maniera sempre più semplice le applicazioni dallo store dell’azienda finlandese.

Grazie a questa iniziativa, i clienti TIM hanno tante opportunità in più per personalizzare il proprio smartphone Nokia con applicazioni e contenuti sempre nuovi e aggiornati, acquistabili in maniera semplice e veloce nell’ambito di un più ampio range di prezzo. Un risultato che sottolinea l’importanza di semplificare i processi di selezione e acquisto dei contenuti per i clienti, sempre più orientati alla personalizzazione dei propri device mobili.

L'Ovi Store di Nokia è accessibile da oltre 135 diversi telefoni dell'azienda finlandese (tra cui gli smartphone a listino TIM come il Nokia N8, il Nokia C7 e il Nokia 5230) ed offre un vastissimo catalogo di applicazioni che vanno dai contenuti per personalizzare il proprio terminale con sfondi e suonerie, ai giochi, ai video fino ai podcast, agli strumenti di produttività e ai servizi web e location-based.

Oltre 200.000 nuovi utenti si registrano a Ovi ogni giorno, aggiungendosi ai 165 milioni di utenti in tutto il mondo che già fanno parte del mondo dei servizi di Nokia.

Il costo dei contenuti è sempre specificato prima di effettuare l’acquisto e nel prezzo indicato non sono inclusi i costi di connessione dati che dipendono dal piano tariffario di ogni cliente.

Roma, 28 dicembre 2010