Telecom Italia: arrivano sulla WebTV e sull’IPTV i nuovi episodi della settima stagione di Grey’s Anatomy e di Desperate Housewives a 24 ore dalla messa in onda negli USA

24/09/2010 - 17:30

  • Archivio Media /
  • Note stampa /
  • Mercato /
  • Telecom Italia: arrivano sulla WebTV e sull’IPTV i nuovi episodi della settima stagione di Grey’s Anatomy e di Desperate Housewives a 24 ore dalla messa in onda negli USA
- + Text size
Stampa

Da questa sera, con cadenza settimanale le nuove puntate di Grey’s Anatomy e dal 27 settembre i nuovi episodi di Desperate Housewives - le serie TV prodotte da ABC Studios - saranno visibili anche in Italia in modalità on demand, in lingua originale con sottotitoli in italiano, su webtv.cubovision.it  e  sulla TV via ADSL di Telecom Italia

Telecom Italia, in collaborazione con The Walt Disney Company Italia, a sole 24 ore dalla messa in onda negli USA, porta sulla WebTV e sull’IPTV i nuovi episodi della settima stagione di Grey’s Anatomy e Desperates Housewives, le serie prodotte da ABC Studios seguite in tutto il mondo da milioni di telespettatori che si sono appassionati alle storie d’amore e di ‘corsia’ dei medici del Seattle Grace Hospital e alle vicende legate alla vita del quartiere Wisteria Lane. 
Da questa sera Telecom Italia rende disponibili on line le nuove puntate di Grey’s Anatomy e dal 27 settembre i nuovi episodi di Desperate Housewives in modalità on demand su http://www.webtv.cubovision.it/ e sull’IPTV, la TV via ADSL di Telecom Italia.
Settimana dopo settimana, gli appassionati potranno seguire le nuove puntate, in lingua originale sottotitolate in italiano, a 1,99 Euro per singolo episodio.
Per i fan di Grey’s Anatomy e Desperate Housewives sarà possibile acquistare anche ogni singolo episodio della sesta stagione a 1,99 Euro, mentre per tutte le precedenti stagioni il costo è di 0,99 Euro.   
Con questa iniziativa il Gruppo Telecom Italia prosegue il percorso di sviluppo volto a proporre, grazie alle potenzialità della rete, soluzioni innovative per offrire contenuti di intrattenimento e di informazione, contribuendo così anche alla diffusione di servizi on demand legali e di qualità.
 

Roma, 24 settembre  2010