Telecom Italia: parte oggi sull’iPhone il nuovo servizio di assistenza per i clienti TIM

12/07/2010 - 12:00

- + Text size
Stampa

Al via “119 Self Service”, l’applicativo per iPhone scaricabile gratuitamente dall’Apple Store che consente di avere tutte le informazioni relative alla propria linea telefonica

Da oggi per i clienti TIM avere informazioni relative alla propria linea telefonica è ancora più semplice. Telecom Italia lancia infatti “119 Self Service”, il nuovo servizio per l’iPhone che offre in mobilità le principali funzionalità di assistenza alla clientela consumer. L’applicativo, scaricabile gratuitamente dall’Apple Store, permette di accedere direttamente dall’ìPhone, alle principali informazioni relative al consumo ed al credito della propria linea TIM.

Con “119 Self Service”, infatti, è possibile verificare il credito residuo della propria SIM card ricaricabile oppure, per i clienti con abbonamento,  il saldo del bimestre in corso non ancora fatturato. E’ possibile inoltre visualizzare le informazioni riguardanti il proprio piano tariffario, il dettaglio del traffico telefonico effettuato (telefonate, SMS, MMS e dati), le opzioni attive sul profilo scelto, eventuali bonus non ancora utilizzati e la data di scadenza della SIM.

Per utilizzare l’applicativo è sufficiente collegarsi ad Internet attraverso la rete mobile di Telecom Italia (con costi di connessione dipendenti dal proprio profilo tariffario e da eventuali opzioni attive sulla linea TIM) o connettersi in modalità WI-FI.

Nei prossimi mesi il servizio si arricchirà di nuove funzionalità per rendere ancora più semplice la gestione della propria linea telefonica TIM e sarà successivamente disponibile anche su altri smartphone.

Con questa iniziativa Telecom Italia conferma il proprio impegno finalizzato a migliorare la qualità del servizio anche attraverso nuove modalità di caring in grado di soddisfare in maniera semplice ed intuitiva le esigenze di assistenza del cliente, sfruttando le potenzialità offerte dalla multimedialità in mobilità.

Roma, 12 luglio 2010