“A Scuola di Digitale con TIM” fa tappa a Rende per avvicinare i professori all’uso degli strumenti digitali

15/03/2017 - 15:25

- + Text size
Stampa

Il progetto itinerante di TIM ha visto protagonisti oggi i docenti del Liceo Scientifico “Pitagora di Rende con l’obiettivo di favorire il percorso di digitalizzazione della scuola

Ha fatto tappa oggi a Rende (CS) “A Scuola di Digitale con TIM”, l’iniziativa che avvicina gli insegnanti al mondo e agli strumenti digitali per offrire loro una visione d’insieme sulle innovative applicazioni tecnologiche che aggiungono valore e nuove opportunità alla didattica. Protagonista di questo progetto itinerante è stato il Liceo Scientifico “Pitagora” di Rende, dove i docenti sono stati avviati alla conoscenza dei nuovi mezzi per la didattica digitale.   

“A Scuola di Digitale con TIM” è realizzato in collaborazione con il MIUR, ha una durata biennale e coinvolgerà progressivamente i docenti italiani di tutte le scuole di ogni ordine e grado.

L’iniziativa si sviluppa attraverso due distinti momenti. Nella prima fase, svolta direttamente in aula, vengono illustrate ai docenti le potenzialità del web, delle reti sociali, degli strumenti di condivisione digitale e il loro possibile utilizzo nella didattica.  Inoltre durante l’incontro si introducono le basi del coding con l’obiettivo di avvicinare gli insegnanti al pensiero computazionale e al linguaggio informatico. Nella seconda fase invece, grazie al portale http://scuoladigitale.tim.it/, i docenti possono approfondire i temi trattati in aula, visionare contenuti video, infografiche e tutorial.

A Scuola di Digitale con TIM è parte delle attività di Corporate Shared Value di TIM  che progetta e sviluppa interventi basati sulla creazione di valore condiviso con le comunità in cui il Gruppo TIM opera.

Il progetto è stato avviato lo scorso ottobre nel Lazio, regione pilota, dove circa 500 docenti hanno già aderito all’iniziativa, ed è ripartito dalla Campania toccando Napoli, Caserta e Avellino. Oltre Cosenza saranno coinvolte altre città tra le quali Vibo Valentia, Taranto, Bari, Torino, Alessandria, Milano, Brescia, Como e Chieti. Nel corso di questo primo anno scolastico, infatti, saranno nove le Regioni interessate: Abruzzo, Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia.

Cosenza, 15 marzo 2017