“A Scuola di Digitale con TIM” fa tappa a Macerata per avvicinare i professori all’uso degli strumenti digitali

14/03/2017 - 15:15

- + Text size
Stampa

Il progetto itinerante di TIM ha visto protagonisti oggi i docenti del Liceo Classico Leopardi con l’obiettivo di favorire il percorso di digitalizzazione della scuola. Martedì 21 si replica

Ha fatto tappa oggi a Macerata “A Scuola di Digitale con TIM”, l’iniziativa che avvicina gli insegnanti al mondo e agli strumenti digitali per offrire loro una visione d’insieme sulle innovative applicazioni tecnologiche che aggiungono valore e nuove opportunità alla didattica. Protagonista di questo progetto itinerante è il  Liceo Classico Statale Leopardi, in Corso Cavour (Galleria Luzio) dove i docenti sono stati avviati alla conoscenza dei nuovi mezzi per la didattica digitale.   

A Scuola di Digitale con TIM” è realizzato in collaborazione con il MIUR, ha una durata biennale e coinvolgerà progressivamente i docenti italiani di tutte le scuole di ogni ordine e grado.

L’iniziativa, che sarà nuovamente a Macerata il prossimo 21 marzo, si sviluppa attraverso due distinti momenti. Nella prima fase, svolta direttamente in aula, vengono illustrate ai docenti le potenzialità del web, delle reti sociali, degli strumenti di condivisione digitale e il loro possibile utilizzo nella didattica.  Inoltre durante l’incontro si introducono le basi del coding con l’obiettivo di avvicinare gli insegnanti al pensiero computazionale e al linguaggio informatico. Nella seconda fase invece, grazie al portale http://scuoladigitale.tim.it/, i docenti possono approfondire i temi trattati in aula, visionare contenuti video, infografiche e tutorial.

A Scuola di Digitale con TIM è parte delle attività di Corporate Shared Value di TIM  che progetta e sviluppa interventi basati sulla creazione di valore condiviso con le comunità in cui il Gruppo TIM opera.

Il progetto è stato avviato lo scorso ottobre nel Lazio, regione pilota, dove circa 500 docenti hanno già aderito all’iniziativa, ed è ripartito dalla Campania toccando Napoli, Caserta e Avellino.  Oltre Macerata saranno coinvolte altre città tra le quali Milano,Torino, Brescia, Como, Alessandria, Taranto, Bari, Cosenza, Vibo Valentia e Chieti. Nel corso di questo primo anno scolastico, infatti, saranno nove le Regioni interessate: Abruzzo, Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia.

Macerata, 14 marzo 2017