TIM: il Distretto DOMUS per accelerare la crescita delle imprese della Calabria

14/12/2016 - 15:00

- + Text size
Stampa

“Sicurezza delle persone e delle cose”, “Smart Energy Management” e “Brokeraggio Energetico”: presentati i risultati già raggiunti e le prossime sfide nel campo dell’innovazione tecnologica a sostegno dello sviluppo del territorio calabrese  

La nuove tecnologie come fattore abilitante per lo sviluppo sostenibile del territorio calabrese a favore di una maggiore competitività delle imprese locali. E’ stato questo il tema del convegno che si è svolto oggi a Rende (CS) dal titolo “L’esperienza del distretto DOMUS verso nuovi orizzonti: dall'IoT e la  Smart Energy alla Smart Manufacturing 4.0”, organizzato dal Distretto delle tecnologie informatiche e di comunicazione per lo sviluppo di ambienti intelligenti e sostenibili.

Il Distretto DOMUS, che ha sede al Campus Universitario di Rende, si propone come polo di attrazione della Calabria per lo sviluppo dell’ innovazione tecnologica verso la Smart Manufacturing 4.0. Si è costituito attraverso un’ ATS (Associazione Temporanea di Scopo) con TIM come capofila, che ha assunto la funzione di coordinamento dei progetti  di ricerca e sviluppo e dei rapporti con il MIUR. Gli altri componenti dell’ATS sono l’Università degli Studi della Calabria, l’Università Mediterranea di Reggio Calabria, CNR – Istituto di Calcolo e Reti Ad Alte Prestazioni (ICAR) - e SI-IES s.r.l European Services Institute.

Obiettivo del Distretto Domus è contribuire alla competitività del territorio, accelerando la crescita delle imprese che utilizzano le tecnologie ICT come fattore strategico di sviluppo, affiancando le istituzioni e le imprese nella progettazione e gestione di processi di innovazione con un'ampia partnership pubblico-privata.

I suoi punti di froza sono l’interdisciplinarietà focalizzata all’apprendimento e lo sviluppo della comunità scientifica ed imprenditoriale della Calabria, con l’obiettivo di avviare  nuove iniziative di ricerca e sviluppo industriale nel campo dell’ innovazione.

Il Distretto IoT–Smart Cloud-DOMUS, che sarà operativo almeno fino al 2022, potrà gestire e coordinare le attività supportando le imprese e la Pubblica Amministrazione sia nella partecipazione a bandi e progetti finanziati nel campo dell’ICT, sia nella ricerca di partner e l’avvio di collaborazioni fra imprese, anche attraverso la creazione di opportunità di networking con potenziali partner di ricerca, industriali e commerciali. Inoltre possiede una specifica competenza nell’affiancare il mondo industriale e gli enti locali nella definizione e stesura di piani, progetti e programmi nell’ambito delle Smart City e dell’innovazione, in linea con l'agenda integrata di sostegno all'innovazione (S3) della Regione Calabria.

Nel corso dell'evento sono stati presentati i risultati conseguiti negli ambiti “Sicurezza delle persone e delle cose”, “Smart Energy Management” e “Brokeraggio Energetico”, tutte soluzioni innovative basate sul paradigma dell’IoT  2.0 , della Smart Manufacturing e delle Piattaforme Cloud,  le future prospettive di sviluppo e le sfide che si possono prefigurare per il Distretto, che proseguirà la sua attività nei prossimi 5 anni.

Cosenza, 14 dicembre 2016