Agenda digitale: firmato accordo Telecom Italia - regione Friuli Venezia Giulia per “check up” digitale del territorio

20/02/2014 - 17:30

- + Text size
Stampa

Un vero e proprio “check up digitale” del Friuli Venezia Giulia, per individuare i punti di forza e le aree prioritarie su cui agire per raggiungere in modo più rapido ed efficace gli obiettivi dell’Agenda digitale europea. E’ questo l’obiettivo dell’accordo siglato oggi a Roma tra la Regione e Telecom Italia, da Paolo Panontin, Assessore alla Funzione pubblica e Coordinamento delle riforme, e Oscar Cicchetti, Responsabile Progetti Speciali del Gruppo Telecom Italia

Un vero e proprio “check up digitale” del Friuli Venezia Giulia, per individuare i punti di forza e le aree prioritarie su cui agire per raggiungere in modo più rapido ed efficace gli obiettivi dell’Agenda digitale europea. E’ questo l’obiettivo dell’accordo siglato oggi a Roma tra la Regione e Telecom Italia, da Paolo Panontin, Assessore alla Funzione pubblica e Coordinamento delle riforme, e Oscar Cicchetti, Responsabile Progetti Speciali del Gruppo Telecom Italia.  

Grazie a questa iniziativa, la Regione Friuli Venezia Giulia si avvarrà della metodologia del “check up digitale” sviluppata da Telecom Italia nel rapporto “Italia Connessa”, e già applicata in altre realtà territoriali, con l’obiettivo di fornire alle amministrazioni locali un contributo di analisi e sviluppo per i piani e le Agende Digitali Regionali. Si tratta di una metodologia che consente di effettuare un’analisi comparata dei parametri e degli indicatori che misurano il livello di disponibilità, diffusione e uso del digitale da parte di cittadini, imprese e Pubbliche Amministrazioni locali, in sinergia con i progetti nazionali e comunitari di inclusione digitale. 

Attraverso l’accordo con Telecom Italia, sarà così possibile individuare i gap digitali ancora presenti in Friuli Venezia Giulia, analizzare i motivi che li hanno creati e proporre progetti per superarli. Questa analisi sarà condotta anche attraverso l’ascolto dei principali “portatori di interesse” (Pubbliche amministrazioni, scuole, Università, centri di ricerca, imprese, associazioni di categoria, cittadini).

“La Regione Friuli Venezia Giulia – ha spiegato l’assessore Panontin – si propone di diventare un modello di innovazione digitale in Italia e in Europa. Per questo puntiamo a raggiungere in tempi rapidi gli obiettivi presenti nell’Agenda digitale europea”.

“L’accordo sottoscritto oggi – ha aggiunto Panontin – va proprio in questa direzione e si inserisce all’interno di un più ampio piano regionale di azioni volte al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda europea. Il che significa superare il ‘digital divide’ e accrescere così la competitività territoriale, usando le tecnologie dell’informazione come leva strategica di cambiamento e innovazione”.

La Regione ha infatti lanciato nel dicembre scorso il progetto “GoOn FVG” sullo sviluppo  della cultura digitale e sta completando il progetto “Ermes” per la diffusione della banda larga. 

“Telecom Italia - ha dichiarato Oscar Cicchetti, Responsabile Progetti Speciali del Gruppo Telecom Italia - vuole contribuire in modo concreto ad accelerare il processo di digitalizzazione del Paese. Siamo convinti che ciascuna Regione debba costruire la propria Agenda Digitale, partendo dai punti di forza e debolezza della sua realtà territoriale. Per questo motivo attraverso l’iniziativa Italia Connessa e il ‘check up digitale’, intendiamo affiancare le Amministrazioni centrali e locali nelle riflessioni e nelle scelte d’innovazione digitale per il miglioramento della competitività e dell’attrattività dei loro territori”.    

 

Roma, 20 Febbraio 2014