Telecom Italia e Acotel Group: firmato accordo per il passaggio dei 170 mila clienti consumer di Noverca a TIM

09/01/2015 - 16:15

- + Text size
Stampa

Telecom Italia e Noverca Italia S.r.l., società controllata da Acotel Group S.p.A, hanno sottoscritto oggi un accordo per il passaggio dei circa 170.000 clienti consumer attivi di Noverca a TIM.

L’intesa prevede che a partire dal prossimo mese di febbraio, e fino a maggio 2015, i clienti di Noverca possano effettuare la portabilità del loro numero mobile verso TIM, mantenendo sostanzialmente invariati i propri profili tariffari.

L’accordo consente a Noverca di focalizzarsi nelle attività MVNA (Mobile Virtual Network Aggregator) dove potrà valorizzare gli ingenti investimenti sostenuti negli ultimi esercizi per lo sviluppo di una piattaforma e di soluzioni tecnologiche innovative in grado di abilitare soggetti interessati ad operare in Italia in qualità di Operatori Mobili Virtuali (MVNO).

Con la cessazione dell’erogazione dei servizi alla clientela retail, prevista per i primi giorni di maggio, Noverca si specializzerà nell’offerta di un servizio “ready to use” ai suoi clienti MVNO che avranno a loro disposizione una soluzione agevole e veloce, con costi di set-up e di gestione competitivi, basata su una rete, quella di TIM, che garantisce le migliori prestazioni.

L’accordo consente a Telecom Italia di rafforzare la propria customer base e confermare la leadership per numero di clienti nel mercato della telefonia mobile italiana.

A Noverca sarà riconosciuto un compenso variabile secondo il numero e la tipologia di clienti migrati: in caso di passaggio a TIM della totalità dei clienti il compenso complessivo ammonterà a 3.9 milioni di euro.

L’iniziativa, che rafforza la consolidata collaborazione tra Telecom Italia e Acotel, ha come principale obiettivo quello di garantire alla clientela di Noverca la continuità del servizio con gli elevati livelli di qualità di TIM, grazie a un’ampia copertura roaming all’estero e a un ricco ventaglio di offerte che includono quelle dedicate alle reti di ultima generazione.

Roma, 9 gennaio  2015