TIM SIGLA ACCORDI STRATEGICI CON I PRINCIPALI FORNITORI DI SERVIZI CARING

20/07/2018 - 15:10

- + Text size
Stampa

TIM ha siglato importanti accordi strategici con i principali player del settore dei servizi di Caring per la gestione delle relazioni con la clientela. Tali accordi rientrano nel progetto di ottimizzazione delle forniture previsto nel Piano Strategico DigiTIM presentato lo scorso marzo e saranno in grado di portare numerose efficienze sia sul conto economico, sia nella programmazione e nell’implementazione delle commesse, nel rispetto del vigente Protocollo d’Intesa sottoscritto dai principali committenti di attività di Contact Center.

Gli accordi siglati con i principali fornitori (Abramo, Almaviva, Comdata, Ennova, Gruppo Distribuzione, Proattiva, Youtility) hanno una durata biennale (2018-2019) ed includono i servizi di caring commerciale e quelli di caring tecnico rivolti alla clientela Consumer e Business di TIM.

Gli accordi sono stati firmati dall’Amministratore Delegato di TIM, Amos Genish, e rappresentano un importante passo in avanti per il raggiungimento degli obiettivi del Piano Strategico DigiTIM, identificando una soluzione di maggior continuità aziendale per tutti i fornitori e confermando nello stesso tempo i medesimi livelli occupazionali per i lavoratori del settore TLC.

“Siamo particolarmente soddisfatti dell’intesa raggiunta con i nostri partner – ha dichiarato Amos Genish – che dimostra come siamo sulla buona strada nell’implementazione del nostro piano strategico il quale prevede, tra l’altro, una maggiore produttività per TIM e per i nostri partner. Con questi accordi il cammino intrapreso insieme ai nostri principali fornitori permetterà all’azienda di offrire i migliori servizi di caring ai nostri clienti”.

Le efficienze e i vantaggi dei processi produttivi generati da questi accordi sono il risultato della strategia DigiTIM, incentrata sull’automazione e la digitalizzazione dei processi produttivi già in corso di implementazione sulle piattaforme TIM e che sarà avviata anche dai fornitori.



Roma, 20 luglio 2018