Telecom Italia: ricevuta richiesta integrazione ordine del giorno assemblea da parte di vivendi

15/11/2015 - 20:30

- + Text size
Stampa

Telecom Italia comunica di aver ricevuto in data odierna, da parte del socio Vivendi, una richiesta di integrazione dell’ordine del giorno dell’Assemblea degli azionisti ordinari, convocata per il giorno 15 dicembre prossimo, ai sensi dell’art. 126-bis, d.lgs. n. 58/1998.

E’  stata richiesta l’integrazione dell’ordine del giorno con l’aggiunta del seguente punto: “Nomina di 4 (quattro) Amministratori, previa rideterminazione da 13 (tredici) a 17 (diciassette) del numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione. Deliberazioni inerenti e conseguenti”.

In particolare, Vivendi ha proposto di approvare la seguente proposta di deliberazione:

  1. rideterminare il numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione della Società, incrementandolo da 13 a 17;
  2. nominare Arnaud Roy de Puyfontaine, Stephane Roussel, Hervé Philippe e Felicité Herzog quali nuovi Amministratori della Società, che resteranno in carica sino alla scadenza del mandato dell’attuale Consiglio di Amministrazione, e dunque fino all'Assemblea convocata per l’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2016;
  3. incrementare, per il periodo che residua fino alla scadenza del mandato, il compenso complessivo annuo del Consiglio di Amministrazione deliberato dall’Assemblea del 16 aprile 2014 ai sensi dell’art. 2389, comma 1, c.c., in misura proporzionale al numero di Amministratori nominati ai sensi del precedente punto (ii);
  4. autorizzare gli Amministratori nominati ai sensi del precedente punto (ii) al proseguimento delle attività indicate nei rispettivi curriculum vitae, con svincolo dal divieto di concorrenza rispetto a queste attività, ai sensi dell’art. 2390 c.c., ove applicabile.

 

I curricula vitae saranno pubblicati unitamente alla relazione pervenuta da Vivendi.

Il Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia sarà convocato nei prossimi giorni per l’assunzione delle delibere di competenza.

 

Roma, 15 novembre 2015