Telecom Italia: dai dirigenti un contributo a favore dei lavoratori in solidarieta’

29/04/2014 - 11:20

- + Text size
Stampa

Risorse anche dall’Azienda per un totale di 8 milioni di euro che andranno a Fondi Pensione o in busta paga

Telecom Italia e il Coordinamento delle Rappresentanze Sindacali Aziendali dei Dirigenti del Gruppo hanno raggiunto un accordo i cui riflessi economici saranno destinati ai lavoratori interessati dal Contratto di Solidarietà.

L’accordo individua gli strumenti attraverso i quali i dirigenti di Telecom Italia, modificando temporaneamente alcuni istituti contrattuali, permetteranno all’Azienda di realizzare dei risparmi che saranno monetizzati e che, insieme ad un’analoga somma messa direttamente a disposizione dalla società grazie ai recuperi di produttività, contribuiranno a ridurre l’onere gravante sui lavoratori oggetto di contratti di solidarietà, la cui integrazione salariale per il 2014 è stata ridotta dalla Legge di Stabilità dall’80 al 70%.

Le misure contenute nell’intesa – indirizzate ai Dirigenti delle Aziende del Gruppo Telecom Italia – riguardano i seguenti aspetti:

  1. riduzione del tempo di lavoro con riproporzionamento della retribuzione (a valere per il periodo dal 23 aprile 2014 al 30 aprile 2015) nella misura di tre giorni per i Dirigenti il cui trattamento economico complessivo lordo è pari al Minimo Contrattuale di Garanzia e di sei giorni per gli altri;
  2. maturazione dell’importo aggiuntivo per rimborso spese non documentabili – previsto nel CCNL per i Dirigenti di Aziende Produttrici di Beni e Servizi -  solo nel caso di pernottamento nella località di trasferta;
  3. spettanza - per l’anno 2014 - di trenta giorni di ferie (anziché trentacinque) per i dirigenti che abbiano, al 1 giugno 2014, un residuo relativo ad anni precedenti.

Dall’attuazione di queste misure deriveranno risorse economiche stimate in circa quattro milioni di euro. Tale ammontare, unitamente a ulteriori quattro milioni di euro resi disponibili dai recuperi di produttività dell’Azienda, per un totale di oltre 8 milioni di euro, andrà ad alimentare le posizioni contributive dei lavoratori in Solidarietà iscritti ai Fondi Pensione Chiusi; ai lavoratori non iscritti a tali Fondi Pensione sarà corrisposto un equivalente importo una tantum in busta paga, al lordo di imposte e contributi.

 

Roma, 29 aprile 2014