Alla ricerca dei "nuovi mille": Telecom Italia e Comitato Italia 150 per l'Italia del futuro

17/02/2011 - 15:30

- + Text size
Stampa

Tecnologia, Ricerca, Impresa, Giovani: le parole chiave della nuova Italia

E’ stata presentata oggi a Roma la partnership tra Telecom Italia e Comitato Italia 150 per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia e in particolare Tour dei Mille, l’iniziativa che nel corso di quest’anno cercherà in tutta Italia e premierà i mille progetti più innovativi realizzati da giovani universitari e aspiranti imprenditori. Presenti Franco Bernabè, Amministratore Delegato di Telecom Italia, Sergio Chiamparino, Presidente del Comitato Italia 150 e Sindaco di Torino, Michele Coppola, Assessore alla Cultura della Regione Piemonte e componente del Comitato Italia 150, Riccardo Luna, curatore della mostra “Stazione Futuro. Qui si rifà l’Italia”, Loris Nadotti, Presidente PNI Cube, Paolo Peluffo, consulente del Presidente del Consiglio dei Ministri per il 150°dell’Unità d’Italia.
All’evento ha preso parte inoltre Linnea Passaler, la neo imprenditrice oggi testimonial della campagna per reclutare i nuovi “garibaldini” e vincitrice della scorsa edizione del premio dedicato all’innovazione.

Filo conduttore di tutta la collaborazione tra il Gruppo Telecom Italia e le attività del Comitato Italia 150 è l’innovazione, in linea con il ruolo giocato dalle telecomunicazioni nel favorire la costruzione unitaria del nostro Paese. Un ruolo ancora oggi determinante che vede Telecom Italia leader nello sviluppo digitale del futuro.

Telecom Italia è partner tecnologico del Comitato Italia 150, con soluzioni innovative basate sul web e le più avanzate tecnologie di telecomunicazioni e sarà protagonista della mostra curata da Riccardo Luna “Stazione Futuro. Qui si rifà l’Italia” presso le Officine Grandi Riparazioni di Torino dove sarà presente con alcune sperimentazioni dei Telecom Italia Lab legate alla domotica e dove sarà raccontata la rete di ultima generazione LTE presente nel centro di Torino.

Telecom Italia dedicherà inoltre alle celebrazioni e all’innovazione alcune iniziative.

La prima è Working Capital e la ricerca dei “Nuovi Mille” talenti, il percorso che raccoglierà le migliori idee per rilanciare l'innovazione sul territorio nazionale, fare ricerca e impresa e riscrivere il futuro.
L’iniziativa prende le mosse dal progetto Working Capital che Telecom Italia ha lanciato già da due anni con l’obiettivo di far nascere e sostenere l’impresa giovanile basata sulla rete e sulle nuove tecnologie.
A Working Capital si sono già rivolti più di 7400 aspiranti imprenditori, sono stati presentati oltre 640 progetti, ne sono stati finanziati 13, sono state erogate 29 borse di studio e 36 progetti sono in fase di preincubazione. Nell’iniziativa che vede questo progetto dedicarsi alla ricerca dei nuovi 1000 che faranno l’Italia del futuro, Telecom Italia è affiancata dal Comitato Italia 150, da PNICube – Premio Nazionale dell’Innovazione, dalla Regione Piemonte, dalla Fondazione CRT, oltre che da Wired Italia e da Quantica, che focalizzeranno sul progetto alcune delle loro attività caratteristiche (comunicazione e venture capital).
Il tour dei Mille, che partirà da Torino il prossimo 18 marzo, percorrerà la Penisola alla scoperta dei nuovi eroi che, armati di idee imprenditoriali, si sfideranno tappa dopo tappa per ottenere la vittoria finale che sarà celebrata a Torino, nel primo Parlamento della storia italiana, con la nascita di un ideale governo dei più promettenti nativi digitali.

Nell’ambito del progetto Working Capital, Telecom Italia si avvarrà inoltre della collaborazione di Intesa Sanpaolo attraverso la "Intesa Sanpaolo Start-Up Initiative", la prima piattaforma italiana dedicata alla selezione, alla formazione e alla ricerca di potenziali investitori per Start-Up e progetti Early Stage.


L’altro progetto basato sul grande tema dell’innovazione èItalian Sessions, la cui impostazione prosegue il lavoro delle Venice Sessions di Telecom Italia, un think tank che ha aggregato sui temi di costruzione del futuro una comunità di thinkers and makers che si sono già riuniti diverse volte negli scorsi due anni al Future Centre di Telecom Italia a Venezia.

Le Italian Sessions accompagneranno quest’anno di celebrazioni, generando e guidando un dibattito sul nuovo futuro dell’Italia attraverso un ciclo di cinque eventi che si svolgeranno all’interno della mostra Stazione Futuro, nel cuore di Esperienza Italia.

Anche i più piccoli avranno il loro spazio e il loro ruolo nel costruire il futuro del Paese grazie al bus di Navigare Sicuri, parte del progetto volto a sensibilizzare bambini, adolescenti, genitori e insegnanti a un
uso attento e consapevole del web, che sosterà a Torino illustrando ai piccoli visitatori le regole per navigare in Rete al sicuro da pirati informatici, e a Radio Dynamo (www.radiodynamo.it), la web radio realizzata con il contributo di bambini affetti da patologie gravi e croniche, nata in collaborazione con Dynamo Camp Onlus e Radio DeeJay.

Franco Bernabè ha dichiarato: “Telecom Italia con la sua storia e le sue infrastrutture rappresenta un tassello importante nella costruzione unitaria del nostro Paese sul fronte sociale, economico e culturale; è al tempo stesso la memoria di questo percorso, fatto di passione e coraggio e il leader promotore dello sviluppo futuro del nostro Paese. Siamo orgogliosi di partecipare da protagonisti alle celebrazioni per l’Unità d’Italia al fianco del Comitato Italia 150, portando il nostro know how, i nostri investimenti, il nostro contributo attraverso iniziative che stimolano l’innovazione e l’affermazione di una nuova generazione di talenti in grado di rifondare l’Italia. Le nuove generazioni sono il nostro futuro e su di esse bisogna investire, incoraggiando e premiando la loro capacità di innovare e di fare impresa”.

Sergio Chiamparino ha ricordato che “Torino è stata la prima capitale d’Italia e ha avuto un ruolo fondamentale nel processo di unificazione e poi nella storia del nostro Paese. Ma oltre a guardare con orgoglio al proprio passato e a quello della Nazione, la città e il Piemonte vogliono continuare a essere protagonisti del cambiamento e delle sfide che ci attendono. Per questo, nell’organizzare un importante appuntamento come quello dei festeggiamenti del 150° anniversario dell’Unità, abbiamo pensato non tanto a un percorso rievocativo e di celebrazioni, quanto a un evento che, oltre a riflettere su ciò che è stato, si proiettasse nel futuro. Un segnale concreto di questa volontà viene dall’importante concorso che presentiamo oggi e che punta a premiare ciò in cui riponiamo le migliori speranze per il domani e su cui è fondamentale tornare a investire davvero: i giovani, la ricerca e il talento”.

Michele Coppola ha sottineato come “Le celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia a Torino e in Piemonte non saranno un evento dai toni nostalgici: lo sguardo al passato, alla nostra storia, ai nostri valori, serve come base imprescindibile per guardare al futuro del nostro Paese. Le nuove sfide, che il mondo ci impone, vedono nei giovani i principali interpreti e nel talento, nella ricerca e nell’impresa le parole chiave su cui investire. Per questo il progetto realizzato insieme a Telecom Italia traduce lo spirito di Italia 150, così come lo concepisce la Regione Piemonte: una fotografia del Paese che vogliamo, dinamico e competitivo”.


Roma, 17 febbraio 2011

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008