Telecom Italia: raggiunto un accordo con Tele2 per la vendita di BBNed

16/07/2010 - 08:15

- + Text size
Stampa


Telecom Italia annuncia di aver raggiunto un accordo con Tele2 per la vendita di BBNed.

BBNed è un fornitore di servizi wireline nei Paesi Bassi, attivo nei segmenti business retail e wholesale. BBNed opera sul mercato business con il marchio Bbeyond e sul mercato consumer con i brand Alice e InterNLnet.

Tele2 pagherà alla girata delle azioni un corrispettivo pari a 50 milioni di euro (entreprise value). Il completamento dell’operazione è subordinato all'approvazione da parte delle Autorità garanti della concorrenza nei Paesi Bassi.

La cessione di BBNed è in linea con l’obiettivo di Telecom Italia di riposizionarsi sui mercati core e non avrà sostanzialmente impatto sul conto economico di Gruppo.

Morgan Stanley ha svolto il ruolo di consulente finanziario esclusivo di Telecom Italia in questa operazione.

Roma, 16 luglio 2010

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008