Telecom Italia: indagine Guardia di Finanza di Vicenza risale al 2007

01/07/2010 - 16:30

- + Text size
Stampa

Fenomeno riferito alle gestioni precedenti al 2008, superato grazie alle politiche commerciali avviate a partire da quell’anno, di cui è stata data evidenza nei Bilanci 2008 e 2009. Piena collaborazione alle indagini da parte della società

Telecom Italia, in merito alla notizia ripresa oggi dai media riferita all’indagine della Guardia di Finanza di Vicenza su carte SIM non regolari, precisa che il riferimento è a un procedimento avviato nel 2007 dalla Procura della Repubblica di Vicenza, già segnalato nelle relazioni sulla gestione a corredo dei bilanci per gli anni 2008 e 2009.

La Società, sin dall’inizio del 2008 – così come riconosciuto dagli stessi inquirenti nel verbale di contestazione della sanzione amministrativa –, ha operato “un drastico cambio di rotta, voluto dall’attuale Amministratore Delegato della società, (insediatosi nel dicembre del 2007)” il quale ha “comportato un deciso ridimensionamento del fenomeno”. Peraltro, gli inquirenti hanno dato atto della piena collaborazione alle indagini fornita dalla Società, “espressiva della volontà di fare chiarezza sul fenomeno”.

Roma, 1 luglio 2010


In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008