Telecom Italia: illustrato alle Organizzazioni Sindacali il Piano Industriale di SSC

17/06/2010 - 21:10

- + Text size
Stampa

  • Investimenti per 34 milioni di euro nel periodo 2010-2012
  • Necessità di razionalizzazione degli organici per 646 risorse complessive
  • Proposta la possibilità di reimpiegare nel Gruppo Telecom Italia fino a 100 risorse

Stefano Gigli, amministratore delegato di SSC, ha presentato alle OO.SS. il Piano Industriale 2010-2012 dell’Azienda.

Come noto, dando seguito ad una manifestazione di interesse pervenuta da un operatore del settore, il Gruppo Telecom Italia aveva avviato, sul finire dello scorso anno, la cessione di SSC in considerazione delle difficoltà competitive presenti sul mercato di riferimento, ma ha successivamente ritenuto preferibile mantenere all’interno le attività informatiche, facendosi carico degli interventi necessari a restituire competitività al settore in considerazione della sua strategicità.

Conseguentemente, il ramo d’azienda relativo alle attività di sviluppo, esercizio e gestione delle infrastrutture informatiche svolte dalla struttura IT Operations di Telecom Italia è stato conferito ad SSC a inizio maggio 2010, mentre contestualmente le attività di ingegneria presenti in Telecom Italia sono state riorganizzate.

L’AD di SSC ha illustrato un programma di azioni specifiche per il miglioramento dei processi industriali, per l’adeguamento delle competenze del proprio personale, per l’impiego ottimale delle tecnologie e per una maggiore accountability, che sarà realizzato grazie a investimenti per un ammontare complessivo di 34 milioni di euro nel periodo 2010-2012. Tale piano si inquadra nell’ambito del Piano Strategico di Gruppo già presentato alla Comunità Finanziaria lo scorso aprile.

Il processo di ottimizzazione e creazione di efficienza fa emergere peraltro un’eccedenza di 646 risorse, che ha radici lontane, derivando:

  • dalle condizioni storiche di sovradimensionamento e sovra inquadramento di SSC, che ne hanno determinato la non competitività;
  • dalla situazione complessiva del settore di telecomunicazioni con riferimento alla maturità del mercato ed alla riduzione dei volumi di domanda informatica;
  • dall’evoluzione delle tecnologie dell’informazione.

Per contenere il numero degli esuberi l’Azienda per parte sua ha avviato interventi di contenimento dei servizi acquistati dall’esterno, che l’AD di SSC ha illustrato, riferendo di avere altresì richiesto a Telecom Italia di rendere disponibili opportunità di reimpiego delle risorse SSC in eccesso in settori diversi del perimetro di Gruppo.

Nell’incontro è stato esplicitato come, in conseguenza di tale richiesta, il Gruppo si appresti ad operare l’internalizzazione di attività per un volume equivalente a 100 unità ed abbia deciso di riservare esclusivamente ad SSC, fino al 30 giugno, la conseguente opportunità di rioccupazione.

Telecom Italia ha formalizzato in serata la nascita dei settori dedicati alla gestione delle attività internalizzate. Le condizioni di reclutamento del personale eccedente in SSC, illustrate alle OO.SS., saranno diffuse sui posti di lavoro aziendali a partire da domani.

Roma, 17 giugno 2010

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008