Riunita l'Assemblea Speciale: Emanuele Rimini nominato Rappresentante Comune degli azionisti di risparmio

28/05/2010 - 13:33

- + Text size
Stampa


Telecom Italia rende noto che l’Assemblea speciale dei possessori di azioni di risparmio, riunitasi oggi a Milano, ha nominato Emanuele Rimini rappresentante comune.

Emanuele Rimini rimarrà in carica per tre esercizi sociali, fino all’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2012.

Emanuele Rimini è nato a Milano nel 1962. Avvocato presso il Foro di Milano dall’ottobre 1990, è iscritto all’Albo degli Avvocati Cassazionisti dal giugno 2008. Dall’anno 2008 è Direttore della Sezione di Diritto Commerciale e Industriale del Dipartimento di Diritto Privato della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano. È inoltre Membro dell’European Corporate Governance Institute (ECGI). In allegato il curriculum vitae completo.


> Curriculum vitae Emanuele Rimini (file .pdf, 37 kb)

Milano, 28 maggio 2010

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008