Telecom Italia smentisce la costituzione di un polo impiantistico

11/05/2010 - 15:50

- + Text size
Stampa


Con riferimento all’articolo pubblicato oggi da un importante quotidiano nazionale secondo cui Telecom Italia sarebbe intenzionata a costituire un “polo impiantistico” con lo scopo di occuparsi della “manutenzione Telecom”, l’azienda smentisce categoricamente questa ipotesi nonché il presunto interesse del vertice a un progetto che non è mai stato valutato, neppure in via informale.

Per quanto riguarda poi le considerazioni sulla società SSC, controllata al 100% da Telecom Italia, nel comunicato stampa dello scorso 19 aprile a valle dell’incontro con i sindacati l’azienda ha confermato “il diretto interesse del Gruppo al mantenimento delle relative attività [di SSC] entro il proprio perimetro”.

Roma, 11 maggio 2010

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008