Chiama dona e vinci

25/09/2009 - 15:30

- + Text size
Stampa

Il primo concorso a premi nazionale con una numerazione telefonica a sostegno della ricerca scientifica Chiama Dona e Vinci per contribuire alla lotta contro il diabete

A partire dal 1 ottobre e fino al 30 novembre 2009 la Fondazione San Raffaele del Monte Tabor in collaborazione con Telecom Italia promuove il primo concorso nazionale a scopo benefico che, avvalendosi di una numerazione telefonica, dà la possibilità di donare e allo stesso tempo di vincere. L’iniziativa si svolge in occasione della Giornata Mondiale del Diabete - il 14 novembre - proprio per sensibilizzare il grande pubblico a una patologia che sta crescendo in tutto il mondo, di cui soffrono bambini e adulti.

Chiamando il numero 895 898 9598 messo a disposizione da Telecom Italia sarà possibile, con un unico semplice gesto, ricevere informazioni sul diabete, donare fondi alla ricerca e vincere numerosi premi.

A rispondere sarà la voce di Paolo Maldini, campione del Milan e della Nazionale di calcio, che fornirà informazioni scientifiche sul diabete di tipo I e II e sul concorso che mette in palio un viaggio e un soggiorno per due persone all’Isola di Mauritius oltre a numerosi altri premi  tra cui 50 pc portatili Altec e 100 buoni spesa del valore di 50 euro spendibili nei supermercati del Gruppo Carrefour.

Il ricavato delle chiamate - per un massimo di 4 euro da telefono fisso e 6,90 euro da mobile per ciascuna telefonata - sarà interamente devoluto alla ricerca scientifica sul diabete dell’Istituto Scientifico San Raffaele di Milano, che attraverso la struttura del San Raffaele Diabetes Research Institute (DRI) potrà contare su uno staff di 50 tra medici, ricercatori e personale di supporto e avrà una superficie di laboratori di ricerca di circa 750 mq.

Siamo molto fieri dei risultati ottenuti in questi anni, ma c’è ancora molta strada da fare perché soffrono di diabete 246 milioni di persone nel mondo e si stima una crescita di 380 milioni per il 2025. Per questo il San Raffaele ha raccolto la sfida rilanciando il proprio impegno con la nascita del DRI. È molto importante che la ricerca sia messa in condizione di progredire e per farlo abbiamo bisogno del sostegno di tutti, del settore pubblico e di quello privato ma anche dei singoli cittadini”, afferma Maurizio Savi, Direttore Operativo della Ricerca San Raffaele. “È altresì fondamentale che cresca la consapevolezza della patologia a tutti i livelli perché c’è ancora troppa disinformazione che non favorisce la ricerca” conclude Savi.

Carlo Fornaro, direttore Relazioni Esterne del Gruppo Telecom Italia, sottolinea “Per una azienda all’avanguardia nella tecnologia e nell’innovazione, è una necessità e un obbligo sociale essere al servizio non solo dei propri clienti ma anche di tutta la comunità in cui opera, utilizzando le migliori applicazioni tecnologiche attualmente a disposizione anche per aumentare le possibilità di fund raising. Dopo l’SMS solidale ed il Click solidale, già utilizzati con successo per altre importanti iniziative, inauguriamo ora questa nuova modalità di sostegno alla ricerca, in collaborazione con la Fondazione San Raffaele”.

Questa iniziativa è possibile grazie al supporto di Telecom Italia, Gruppo Carrefour, Air Mauritius, Beachcombers Hotels, Isola di Mauritius, Altec.

Si ringraziano inoltre Carapelli, TNT Traco Post, Givi, Getfit, Technogym, Yahoo, Ferrovie dello Stato, Latte Milano.

* Il costo da telefono fisso è di euro 1,80 al minuto + scatto alla risposta di 36 centesimi di euro IVA compresa.
Il prezzo massimo da operatore mobile è di euro 2,24 al minuto + 18 centesimi di euro di scatto alla risposta IVA compresa.

Milano, 25 settembre 2009


In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008