Telecom Italia aderisce al codice di condotta europeo per la riduzione dei consumi energetici dei dispositivi broadband

22/06/2009 - 17:30

- + Text size
Stampa

Minimizzare gli impatti ambientali e contenere le spese energetiche dei clienti: questi i benefici della progressiva adozione di nuovi apparati a maggiore efficienza

Telecom Italia conferma il proprio impegno per la tutela dell’ambiente e la riduzione dei consumi energetici. L’azienda è tra i primi operatori di telecomunicazioni ad aver aderito al Codice di Condotta Europeo sul Broadband, il protocollo che definisce i limiti di assorbimento energetico degli apparati a banda larga, sia terminali sia di rete, per il triennio 2009 – 2011.

Il Codice di Condotta disciplina i limiti di fabbisogno energetico di numerosi dispositivi presenti in abitazioni, uffici e luoghi pubblici - come modem ADSL, router, telefoni VoIP e access point Wi-Fi -, oltre che di tutti gli apparati infrastrutturali di rete broadband. L’adesione a questo protocollo assicurerà nel prossimo triennio un minor dispendio di risorse energetiche e un’importante riduzione degli impatti ambientali legati alle tecnologie di telecomunicazione. Inoltre, in ambito domestico, l’adozione di dispositivi conformi alle indicazioni del Codice permetterà di ottenere una riduzione sensibile delle spese energetiche a carico dei clienti, con un risparmio fino al 40%.

Stefano Pileri, responsabile Technology & Operations di Telecom Italia, ha dichiarato: “l’adesione al Codice di Condotta Europeo sul Broadband rappresenta un impegno concreto di Telecom Italia a beneficio dei nostri clienti e dell’ambiente. Telecom Italia, infatti, oltre a guidare l’innovazione tecnologica nel nostro Paese è anche fra le aziende italiane più attente alle tematiche ambientali e sociali e realizza numerose attività di sostenibilità che hanno già ricevuto riconoscimenti nazionali ed internazionali”.

Milano, 22 giugno 2009

Scarica il comunicato stampa in versione pdf (file .pdf, 69 Kb)

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008