Telecom Italia - il giurì boccia lo spot comparativo Wind: “Ingannevole e denigratorio”

08/05/2009 - 20:45

- + Text size
Stampa

In contrasto con l’articolo 2 e 15 del codice, non potrà più essere diffuso

Il Giurì dell’Autodisciplina Pubblicitaria, con una decisione di oggi, ha bocciato lo spot TV di Wind/Infostrada  interpretato da Mike Bongiorno e Rosario Fiorello con il claim “Telecom aumenta il canone, Infostrada no – prezzi bloccati”, ritenendolo ingannevole con riferimento all’espressione “prezzi bloccati” - in contrasto quindi con l’art. 2 del Codice di Autodisciplina della Comunicazione -  e denigratorio in relazione alla suggestione pubblicitaria derivante dalla frase “ci mancava pure questa!” - quindi in contrasto con l’art. 15 dello stesso Codice.

Lo spot non potrà essere più diffuso con tali modalità, avendone il Giurì ordinato l’immediata cessazione.

Roma, 8 maggio 2009

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008