Telecom Italia: nuova struttura organizzativa. Riorganizzazione delle direzioni Domestic Market Operations e International Business, costituzione della funzione Disposals

23/12/2008 - 14:00

- + Text size
Stampa

Telecom Italia prosegue nel percorso di efficienza e riorganizzazione, così come annunciato in occasione della presentazione del Piano Strategico 2009-2011, e vara oggi una nuova struttura organizzativa.

In particolare, la riorganizzazione al momento riguarda tre aree: il settore domestico, il progetto di dismissioni e il settore internazionale.

La direzione Domestic Market Operations, affidata a Oscar Cicchetti, assume una nuova impostazione customer centric con l’obiettivo di orientare al cliente e alla sua soddisfazione tutti i processi aziendali. La nuova direzione offrirà ai rispettivi segmenti di clientela prodotti e servizi convergenti con l’obiettivo di presidiare la market share, aumentare la qualità del servizio e l’affezione della clientela al brand Telecom Italia, e sarà organizzata su tre macro aree:

• Consumer Market, affidata a Carlos Lambarri, che avrà la responsabilità della clientela consumer e si focalizzerà sull’aumento dell'uso dei servizi innovativi di rete da parte di individui e famiglie, sulla difesa delle quote di mercato nei servizi tradizionali e innovativi, nel fisso e nel mobile.

• Business Market, affidata a Pietro Labriola, che avrà la responsabilità della clientela business e centrerà la propria azione sulla promozione dell’uso delle tecnologie ICT da parte delle piccole e medie imprese e dei clienti SOHO puntando a difendere ed aumentare le quote di mercato nei servizi tradizionali e innovativi, nel fisso e nel mobile.

• Top Clients & Networked IT Services, affidata a Gianfilippo D’Agostino, avrà la responsabilità di accrescere il valore della base clienti Top, Large Account ed Enterprise affiancando le grandi aziende dell’industria e dei servizi, le banche e la pubblica amministrazione nella trasformazione dei processi di business.

All’interno della direzione Domestic Market Operations sono inoltre presenti le funzioni Business Innovation, affidata a Luca Tomassini, che guiderà il processo di innovazione dei servizi monitorando l’evoluzione dell’industry e individuando percorsi di innovazione dell’offerta coerenti con gli obiettivi aziendali, e Quality of Service, affidata a Paolo D’Andrea, che coordinerà processi, attività e progetti finalizzati all’incremento della qualità percepita e misurata in tutte le relazioni prodotto/mercato.

Alla direzione Domestic Market Operations fanno inoltre riferimento le società Olivetti, Telecontact, Matrix, Pathnet, Telsy.

Per quanto riguarda il Progetto di dismissioni che dovrà implementare quanto previsto dal Piano Strategico 2009-2011 (e dunque la valorizzazione delle attività non-core per concentrarsi sul mercato domestico e sul Brasile), viene costituita la funzione Disposals, affidata a Giovanni Stella, che mantiene l’incarico di vice presidente esecutivo di TI Media; Mauro Nanni verrà proposto come amministratore delegato di TI Media.

Contestualmente, la direzione International Business viene affidata ad interim all’amministratore delegato Franco Bernabè, e viene costituita la funzione International Operations, affidata a Stefano Mazzitelli, che opererà in costante raccordo con Disposals.

Inoltre viene costituito lo Steering Committee Disposals Plan, che ha il compito di definire strategie e tempi degli interventi di dismissione al fine di massimizzare il valore per gli azionisti. Presieduto dall’amministratore delegato, allo Steering Committee partecipano: il responsabile della funzione Administration, Finance & Control, il responsabile della direzione Domestic Market Operations, il responsabile della funzione International Operations e il responsabile della funzione International Legal Affairs.

Per quanto riguarda TIM Brasil, Luca Luciani sarà proposto per la cooptazione in Consiglio di Amministrazione e la nomina a CEO, mentre Mario Cesar de Araujo sarà proposto come presidente di Tim Participacoes. Carlos Lambarri mantiene temporaneamente l’incarico di CEO della tedesca Hansenet.


Roma, 23 dicembre 2008